Claudio Scazzi vuole lavorare in TV. Il fratello di Sarah, la vittima dell’ancora misterioso e non del tutto chiarito omicidio di Avetrana, ha infatti affermato di aver contattato anche Lele Mora, ma il super agente dei VIP gli ha risposto che non è adatto per la televisione.

Secondo il settimanale Oggi, Claudio Scazzi avrebbe in mente un futuro in TV:

La televisione non mi dispiacerebbe. Sto a Milano e ho chiesto a Mora se aveva in mente qualcosa per me. Dice che non vado bene, che non sono fatto per la TV. Credo di avere delle potenzialità e per questo mi sono rivolto a Mora. Se non lo sa lui cosa farmi fare…

Nonostante abbia rifiutato di prenderlo sotto la sua ala protettrice, Lele Mora si è detto disponibile a collaborare con Claudio Scazzi per la presentazione di una raccolta di fondi per la costruzione di un canile da realizzare in memoria di Sarah. Il ragazzo comunque non sembra voler rinunciare all’idea e sempre secondo Oggi ha visitato con il padre e un legale altri studi milanesi, dopo aver risposto in maniera negativa a “un’agenzia di Torino, che mi proponeva di diventare il nuovo Azouz Marzouk“.

Ad Affari Italiani è però arrivata la secca smentita da parte del ragazzo:

No ma quando mai, io non ho mai contattato Lele Mora, siccome c’è il progetto del canile lui si era incaricato di fare delle cose ipotetiche… Non sto visitando nessuna agenzia. Secondo voi dopo quello che è successo mi piacerebbe lavorare nel mondo dello spettacolo? No, assolutamente. Smentisco il fatto che io voglia lavorare nella televisione. Io faccio l’operaio, consegno i giornali, va bene cosi.

Insomma, vera o meno che sia questa notizia, la televisione e la cronaca nera sembrano contaminarsi sempre di più fino a diventare un tutt’uno inscindibile. Purtroppo ormai è un dato di fatto, che tristezza però.