Un calendario, un libro e un disco a scopo benefico. È questa l’intenzione del fratello di Sarah Scazzi, Claudio, che utilizzerà i proventi ricavati da questi prodotti, per la realizzazione di un canile in memoria dell’affetto della sorella per i cani, soprattutto per i randagi.

Anche se tutto suona sempre molto stridente. Come la statua bronzea che l’amministrazione comunale di Avetrana vuole dedicare alla memoria della giovane Sarah, scomparsa in circostanze tutt’ora misteriose, ma sulle quali sono indagati dei parente, lo zio Michele Misseri e la cugina Sabrina.

Per ora, qualcosa di certo è relativo solo per la produzione del calendario, che avrà un costo di 27mila euro, per cui Claudio Scazzi ha già preso contatti con un’azienda milanese. A breve dovrebbe arrivare anche un EP del cantautore di Manduria Franz Mele, e un libro edito da Bompiani, di cui non si conoscono ancora i particolari.

I proventi saranno gestiti da un’associazione, di cui fa parte la famiglia Scazzi e il legale Antonio Cozza, e come abbiamo detto, serviranno a finanziare la realizzazione del canile. Per la trasparenza sarà pubblicata l’intera gestione del denaro online su un apposito sito ora in costruzione, per non dar seguito a nuove polemiche, dopo che si era detto che Claudio si fosse rivolto a Lele Mora per una futura carriera in TV.

Claudio ha così replicato:

Chi ha scritto queste cose inventandosele si assumerà tutte le responsabilità perché sarà denunciato. Ogni altra rappresentazione dei fatti e degli avvenimenti, oltre la nota da me fornita all’Ansa, compresa la presunta visita ad agenzie di Milano, per propormi come personaggio dello spettacolo e televisivo è assolutamente falsa e non veritiera.