Sembrano arrivare alla stretta finale le indagini per l’omicidio di Sarah Scazzi. Una super testimone sembra poter convalidare la versione di Giovanni Buccolieri, che secondo la procura avrebbe ricostruito le scene immediatamente precedenti al delitto. Il fioraio in seguito ha smentito tutto affermando che fosse stato un sogno, non convincendo questa volta la procura.

Galleria di immagini: Sarah Scazzi

I PM Argentino e Buccoliero sono pronti quindi a volare in Germania, precisamente a Colonia, dove risiede ora l’ex commessa del fioraio alla quale lo stesso avrebbe raccontato quanto avvenuto. Una scena ricostruita in maniera troppo dettagliata secondo gli inquirenti per essersi trattato di un semplice sogno. Secondo quanto affermato nella ricostruzione di Buccolieri, Cosima Serrano avrebbe inseguito Sara con la propria auto appena pochi minuti prima del delitto, imponendole poi di salire a bordo.

Il ruolo primario che la zia della quindicenne avrebbe giocato è chiaro per gli inquirenti, sostenuto anche da alcune intercettazioni telefoniche. In un discorso con il marito, Michele Misseri, è Cosima a indicare la direzione da seguire nelle testimonianze:

Michele: “Ma se tu vuoi che dica che l’ho violentata lo dico”.

Cosima: “No, no la verità, la verità”.

Michele: “No, che tu stai facendo capire così…”

Oggi il Tribunale del Riesame dovrà esprimersi riguardo alla scarcerazione richiesta dai legali di Sabrina Misseri e Cosima Serrano, mentre la conclusione dell’inchiesta è prevista dai PM per fine mese o al massimo nelle prime due settimane di luglio. A quel punto, inizierà il processo vero e proprio.