La via Grazia Deledda di Avetrana è stata chiusa al traffico sia veicolare che pedonale per motivi di ordine pubblico. L’ordinanza proviene da Mario De Marco, sindaco del paese ove è stata uccisa Sarah Scazzi. La famiglia Misseri, coinvolta nell’omicidio della ragazza, risiede in quella via che pertanto non è da oggi accessibile se non ai residenti della stessa strada.

Il sindaco di Avetrana è giunto a tale decisione per tentare di fermare il turismo degli orrori: ormai il fatto che la gente trafficasse su quella strada per vedere la villa della famiglia Misseri, proprio quella villa dove lo scorso 26 agosto è stata uccisa la 15enne Sarah, è diventato insostenibile ed è stato necessario un provvedimento che ne bloccasse il transito.

Galleria di immagini: Michele Misseri scarcerato

Gli stessi residenti di via Grazia Deledda avevano nei giorni scorsi chiesto al Comune un provvedimento atto a chiudere il traffico della strada. Dopo il ritorno a casa di Michele Misseri, rilasciato lo scorso 30 maggio, vi è stato un gran via vai; adesso invece è tutto transennato e inaccessibile.

Nel frattempo sarebbero state rilevate dai carabinieri cinque tracce biologiche di Sarah Scazzi su uno dei due compressori che sono stati sequestrati nel garage dei Misseri. Michele Misseri aveva ai tempi spiegato, con una lettera, che dopo aver strangolato la nipote, Sarah avrebbe sbattuto la testa sul compressore, ma gli esami proseguiranno oggi per vedere se vi saranno comparazioni delle tracce biologiche con i DNA di Sabrina Misseri e Cosima Serrano, la cugina e la zia della 15enne assassinata.