Scegliere le scarpe da sposa per il giorno delle nozze non è mai facile. Per questo, per accompagnare e per garantire il miglior acquisto, è importante avere una guida che sappia rendere chiare quante più opzioni possibili. Dai décolleté classici, alle scarpe in tela, ecco 10 modelli che possono sostenere la donna nel giorno più emozionante della sua vita.

  1. Stile retrò. Qualora la cerimonia fosse in stile vintage o retrò, si può optare per una scarpa con un tacco medio e che, impreziosita da punti di luce che lasciano scoperta parte del piede, richiamano lo splendore del Cinema degli Anni 40, 50 e poi 60. Ad arricchire queste scarpe, anche l’apertura sulla punta che permette di mostrare le calze chiare che avvolgono le gambe. Il fascino di questa calzatura è fortissimo e ben si abbina ad un abito pulito e leggero, che si ammorbidisce lungo le gambe.
  2. Le classiche scarpe bianche sono un must. Per impreziosirle ancora di più, si può scegliere un modello con un ricamo floreale su di un lato che crei volume e divertimento. Questo è, senza ombra di dubbi, uno dei modelli più classici che può essere accostato ad un abito voluminoso e molto lavorato.
  3. In vernice color carne. Nel caso in cui il bouquet e l’allestimento del luogo della cerimonia e poi del rinfresco abbiano richiami tendenti al cipria ed al color carne, si può decidere di indossare un tacco classico verniciato che richiami le tonalità bucoliche scelte. Questo tacco, oltre ad essere comodo, può essere abbinato ad un abito non troppo lavorato impreziosito di punti di luce e giochi di trasparenze, che mostrino la bellezza della calzatura.
  4. Stringata con  strass. Un abito molto voluminoso, con numerosi giochi di tulle, si abbina a perfezione con una calzatura ad intreccio di base bianca con una spruzzata di punti di luce e brillanti che esaltino la lavorazione del vestito. Questa calzatura, molto elegante e raffinata, è sconsigliata qualora sia stato scelto un indumento molto scoperto e trasparente.
  5. Stile country. Se il matrimonio è più intimo e l’animo della donna è avventuriero e country, si può optare per una scarpa con fascia sulla caviglia, che permetta al piede di non essere troppo libero e, dunque, di non sentire molto dolore a fine giornata (anche se quello, in fondo, fa parte del giorno). Attraverso questo modello, che si slancia con un tacco molto alto, si riporteranno alla mente le immagini degli Anni 80 e 90.
  6. Color rosa. Senza dubbio alcuno, oltre al bianco, si può scegliere una calzatura rosa, magari con un fiore in tessuto che edifichi un gioco di movimenti sulla punta dei piedi, rigidamente scoperta. Questa scarpa raggiunge la perfezione con una calza color carne e con un abito corto, che dia la giusta visibilità alla calzatura.
  7. Ballerina. Se il tacco non è un buon amico, si può scegliere di trascorrere il giorno del matrimonio con una ballerina bianca. Questa soluzione può essere la migliore anche nel caso in cui le altezze dei futuri sposi sono diverse e si rischierebbe di creare “dislivelli”, anche emotivi.
  8. In tela. Perché non scegliere la semplicità anche il giorno del matrimonio? Le classiche Vans o altre scarpe basse in tela possono essere la scelta ideale per un matrimonio in campagna, con gli amici di sempre e con una famiglia allegra e divertente. Questa soluzione, oltre ad essere sopra le righe, non può che palesare con più forza l’identità di chi le indossa.
  9. Con plateau. Seppur la moda sia andata avanti, si può scegliere di affidare i propri piedi ad un tacco vertiginoso con plateau che permette di slanciare la gamba e di dare maggiore risalto al vestito. Per rendere ancora più esclusive le calzature, si può scegliere un modello pennellato di punti di luce e brillanti.
  10. A Punta. In un ambiente molto classico, con un abito tradizionale e con un lungo strascico, si può sfoggiare un paio di scarpe con tacco basso e con la punta, classiche di anni passati. Con questa scarpa non si potrà che incarnare il fascino dei canoni estetici dei nonni.