Scegliere la scarpa giusta è lo step fondamentale per ogni runner che si rispetti. Questa, considerando particolari specifici, garantisce performance ottimali andando a evitare una serie di spiacevoli inconvenienti come gli infortuni. Ma come scegliere il modello giusto tra la grande disponibilità delle scarpe running?

Ecco una guida alla scelta delle scarpe running che potrebbe essere d’aiuto.

Scarpe running: come poggia il piede?

Prima di scegliere la scarpa da corsa bisogna innanzitutto sapere come poggia il piede a terra. Nella maggior parte dei casi i runner risultano essere supinatori, ovvero che poggiano il piede verso l’esterno in maniera neutra. Vi sono poi anche i pronatori che, al contrario, poggiano il piede verso l’interno e per questo avranno bisogno di un modello di scarpe che andranno a proteggere la loro corsa da infortuni ai muscoli e alle articolazioni.

Capire la modalità in cui si appoggia il proprio piede risulterà particolarmente facile se, per acquistare il modello più adatto, si sceglie un negozio specializzato. Qui gli esperti metteranno a disposizione un apposito macchinario per determinare in maniera precisa il modo in cui poggerà il proprio piede. Un’alternativa, anche se non proprio precisa, potrebbe essere quella di osservare un vecchio paio di scarpe utilizzate per il running osservando qual è la parte più usurata.

Scarpe running: tutte le categorie

Nel momento in cui si avrà chiaro il modo in cui poggiano i propri piedi e il tipo di corsa che si andrà a svolgere allora si potrà scegliere il tipo di scarpa tra le sette categorie.

  • A0 Minimaliste. Un modello di scarpe di questa categoria che, grazie alla sua particolare leggerezza verrà favorito il movimento delle articolazioni dei piedi. Per questo motivo risultano particolarmente adatte per le esercitazioni leggere e veloci, cercando di dare una sensazione simile a quella di una corsa a piedi nudi, con un movimento naturale.
  • A1 Superleggere. Anche queste risultano essere molto leggere e vengono consigliate ai runner che non hanno particolari problemi di appoggio plantare garantendo una corsa leggera e veloce.
  • A2 Intermedie. Questa categoria, che può essere utilizzata per gare veloci o per una corsa dal ritmo moderato, in genere garantisce un buon livello di ammortizzamento ma andranno scelte soprattutto basandosi sul proprio peso. In genere sono dotate di una particolare tecnologia che andranno a garantire sostegno per quanto riguardano i diversi tipi di appoggio plantare, dalla pronazione, supinazione, fino anche alla posizioni più in punta o di tallone.
  • A3 Massimo ammortizzamento. Andando a garantire un grande ammortizzamento, le scarpe di questa categoria vanno anche ad offrire grande comfort nonché anche supporto per i diversi tipi di appoggio plantare, risultando confortevoli anche per coloro che utilizzano plantari personalizzati. Questa tipologia in genere viene consigliata specialmente per i supinatori.
  • A4 Stabili. Come le tipologie precedenti, anche la tipologia stabile va a garantire non solo un buon ammortizzamento e grande comfort, ma anche sostegno e stabilità. Consigliata per i runner pesanti e particolarmente per correggere i problemi di pronazione.
  • A5 Trail Running. Una tipologia generalmente leggera nonché traspirante ed impermeabile, pensata proprio per la tipologia di corsa, il trail running, che in genere vede alternarsi tratti di sterrato, ma anche salite per corse in montagna e poco asfalto. Grazie ai vari tipi di terreno che può prevedere una corsa di questa tipologia il modello A5 andrà a garantire un buon ammortizzamento per andare ad assorbire gli impatti con i vari tipi di terreno nonché anche una buona tenuta per le discese e le frenate.
  • A8 Specialistiche, Chiodate. Consigliata per le corse campestri o per le diverse specialità eseguite su pista, questa tipologia è dotata di un volume e un peso ridotto a seconda della corsa.

Scarpe running: particolari fondamentali

Una scarpa running che si rispetti deve risultare prima di tutto comoda e traspirante ma, oltre al tipo di corsa e al modo in cui si appoggia il piede, dovrà essere scelta particolarmente anche in base al peso.

Un altro particolare fondamentale è il numero della scarpa scelta: questo dovrà essere di mezzo o un numero in più rispetto a quello solitamente indossato, in quanto durante la corsa il piede tenderà a gonfiarsi e tutta una serie di fattori possono far sì che si verifichino degli spiacevoli inconvenienti tra cui le tanto odiate vesciche, ma anche problemi nella corsa stessa. Ovviamente in modo da scongiurare qualsiasi problema, ottenendo performance impeccabili e per andare sul sicuro bisognerà rivolgersi presso dei negozi specializzati.