L’arte del massaggio rappresenta una fonte di energia e rinnovamento per molte persone, che sempre più spesso amano abbandonarsi nelle mani esperte di professionisti che lavorano direttamente sul corpo, sciogliendo la tensione accumulata e favorendo il benessere psichico e fisico.

Abbiamo visto nel dettaglio le varie tecniche e i benefici del massaggio Shiatsu, tra i più usati e anche difficili da praticare. Passiamo adesso in rassegna altre tipologie di questa preziosa arte messe a disposizione nelle tante Spa sul territorio nazionale, presentate durante il recente Cosmoprof Worldwide, salone internazionale della profumeria e della cosmesi tenutosi a Bologna.

Galleria di immagini: Massaggio Shiatzu

Il Massaggio dei metameri, ad esempio, è basato proprio sulle connessioni nervose che si trovano sulla schiena, tra le vertebre, finalizzato ad allentare le tensioni che si accumulano proprio in questa zona del corpo. La durata varia tra i 40 e i 45 minuti. Un’altra tecnica è la EFT, Emotional Freedom Techniquesm che invece prevede l’azione del massaggiatore su più punti, corrispondenti ai 14 meridiani. Di origine orientale, ha il vantaggio che può essere praticata anche autonomamente.

Il Deep tissue massage ha lo scopo di eliminare tensioni muscolari, ma il tutto si svolge attraverso una lieve pressione delle mani sul corpo, mentre il paziente si trova sdraiato sul lettino o su una stuoia. Il Massaggio tibetano Ku Nye si concentra invece sulla digitopressione, applicata su schiena, tendini e altri muscoli. Alla base c’è la teoria dei tre umori dell’organismo, vento (elemento aria), bile (elemento fuoco) e flemma (elemento terra).

Un intervallo di pressioni leggere e più pesanti caratterizza il Massaggio Biojoy, che prevede cinque mosse fondamentali effettuate su tutto il corpo e con uno sfondo di musica tribale. Sempre di origine africana, ma con mescolanze esotiche, è il Massaggio caraibico, di grande potere energizzante e in grado di regalare una maggiore flessibilità nei movimenti, nonché una notevole distensione.

Sempre sui meridiani è basata invece la Rieducazione funzionale bioenergetica, che agisce sui muscoli contratti permettendo di scaricare la tensione, molto utile dopo un trauma particolare o semplicemente per curare eventuali dolori alla schiena. Il Massaggio energetico è incentrato sulla stimolazione dei centri energetici del corpo, chiamati chakra e localizzati nella zona oculare, orale, cervicale, toracica, diaframmatica, addominale e pelvica. La circolazione del sangue ne trae diversi benefici, così come le articolazioni che subiscono una sorta di delicato stiramento.

Il Massaggio celeste vietnamita prevede invece l’uso di olio vegetale, dedicato a chi soffre di cervicale, mal di schiena ma anche stanchezza cronica e gambe perennemente pesanti. Concludiamo questa panoramica con il Massaggio sciamanico, finalizzato a sciogliere l’energia del corpo bloccata in alcune zone, permettendo al fisico di ritrovare vitalità e benessere.