Proprietà antidiabetiche, anticancro e antibatteriche: sarebbero queste le caratteristiche che presentano alcuni composti chimici dello sciroppo d’acero, prodotto tipico del Canada. Precisamente 20 di essi possono servire da rimedio per alcune patologie e per mantenere una buona salute. Tra questi 20, 13 sono stati scoperti recentemente, gli altri soltanto adesso.

A rivelarlo è uno studio condotto negli Stati Uniti, dai ricercatori dell’Università di Rhode Island, coordinati dal dottor Navindra Seeram. Nonostante le popolazioni canadesi, da sempre consumatrici di sciroppo d’acero, utilizzassero questo elisir di benessere già da tempo, soltanto ricerche più recenti hanno dimostrato che questi composti, oltre ad avere proprietà antiossidanti, possono essere anche antibatterici, antidiabetici e, soprattutto, anticancro.

Lo sciroppo deriva infatti dalla linfa raccolta in primavera, in gran parte costituita da saccarosio, in minor parte da acido malico, potassio, calcio, ferro, vitamine e componenti fenoliche. Per questo motivo, è il dolcificante naturale meno calorico, e ha un alto contenuto di proprietà nutrizionali, oltre che depurative ed energizzanti, tutte troppo spesso sconosciute. A esse ora si aggiungono le caratteristiche di recente scoperta, che sembra attribuiscano a questo prodotto anche capacità preventive per patologie piuttosto gravi, grazie ai composti bioattivi contenuti nella linfa.

Tuttavia, anche se gli studi su queste nuove proprietà sono appena iniziati, da questa ricerca emerge che la pianta d’acero, nel momento in cui gli viene sottratta la linfa, secerne composti fenolici come meccanismo di difesa; questi stessi composti sarebbero ricchi delle suddette proprietà. Ora, secondo Seeram, si deve combattere contro l’immaginario collettivo per cui un prodotto dolce è associato a qualcosa di dannoso per la salute, o piuttosto qualcosa da assumere con moderazione. In questo caso invece, è consigliato come l’alleato quotidiano per il benessere.