Sabato 5 e domenica 6 marzo si va in piazza nelle principali città italiane per sostenere la ricerca scientifica sulla sclerosi multipla, malattia cronica e disabilitante che colpisce il sistema nervoso centrale e soprattutto le donne.

Solo in Italia si stima che siano circa 57.000 le persone colpite dalla sclerosi. Tornano dunque le gardenie dell’AISM: semplicemente acquistandone una si partecipa attivamente alla raccolta fondi promossa dall’Associazione Italiana Sclerosi Multipla per dare speranza alla ricerca e ai cittadini colpiti dalla malattia, inoltre si sensibilizza l’opinione pubblica e si supportano le attività.

Galleria di immagini: Nicoletta Mantovani

Attiva, inoltre, dal 28 febbraio fino al 13 anche la donazione via SMS. Con un piccolo contributo economico di due euro si può inviare un messaggio di testo dal proprio telefono cellulare al numero 45509, a prescindere dall’operatore telefonico che si utilizza.

I fondi raccolti nelle edizioni passate dell’iniziativa sono stati in parte utilizzati per finanziare il progetto di ricerca innovativo CCSVI, che sta cercando una connessione tra la malformazione nota come “insufficienza venosa celebro-spinale cronica” e l’insorgenza della malattia. Anche Nicoletta Mantovani (vedi galleria fotografica), vedova Pavarotti e anche lei colpita dalla sclerosi, si sta battendo per questo metodo sperimentale.

Come già anticipato prima, la sclerosi multipla colpisce prevalentemente le donne, dunque partecipare alle donazioni acquistando un fiore dall’immenso significato qual è la gardenia, pare un ottimo modo per festeggiare effettivamente la donna nel giorno proprio a lei dedicato, aiutando nella battaglia per sconfiggere la sclerosi.