Due lutti avvolgono la soap “Dynasty”. È scomparso, a causa di una polmonite dovuta ai postumi del cancro da cui era guarito, l’attore John Forsythe, un gigante della televisione americana degli anni ’80. Forsythe aveva 92 anni ed era stato malato per molto tempo. A Hollywood, sulla Walk of Fame, nel 1982 era stata apposta una stella in suo onore per il contributo all’industria televisiva.

Forsythe iniziò a lavorare per il cinema durante il primo conflitto mondiale, ma fu nel 1957 che l’attore esordì in TV, con una delle prime sitcom della storia, dal titolo “Bachelor Father“, in cui era affiancato da Mary Tyler Moore, Barbara Eden e Linda Evans, tre donne simbolo della televisione seriale statunitense.

Ma il suo primo ruolo più grande lo ebbe nel 1976 in “Charlie’s Angels“, dove interpretava appunto Charlie: un ruolo fortemente voluto dal produttore Aaron Spelling che seppe credere, a ragione, nelle sue potenzialità, in un periodo in cui l’attore era reduce da fatiche non da poco, come il film “A sangue freddo” (tratto dal terzo romanzo di Truman Capote, dal quale è stato girato un remake qualche anno fa con Philip Seymour Hoffman) e dal suo spettacolo, il “John Forsythe show”.

Ma la ragione per cui John Forsythe resterà nel nostro immaginario collettivo è l’aver interpretato Blake Carrington in “Dynasty”, che gli valse la nomea di sex symbol, benché l’attore fosse all’epoca già ultrasessantenne. Il ruolo gli fu “regalato” da George Peppard, che l’aveva in precenza rifiutato e glielo offrì per la ABC, emittente per cui Forsythe aveva già lavorato per “Charlie’s Angels”.

Scompare anche l’attore inglese Christopher Cazenove, che invece era Ben Carrington, fratello minore di Blake, a 66 anni a causa di una setticemia che si trasportava da tempo. L’annuncio è stato diffuso dalla BBC. Cazenove, per lo più interprete teatrale e cinematografico, se n’è andato circondato dagli affetti più cari, combattendo coraggiosamente l’infezione.