Addio a Maria Schneider, la protagonista con Marlon Brando di “Ultimo tango a Parigi“, il film cult del 1972 diretto da Bernardo Bertolucci. L’attrice scompare a 59 anni dopo una lunga malattia e una carriera non troppo florida, le cui sfortune sono dovute proprio al film che l’attrice interpretò quando aveva 20 anni. Sarà inumata, dopo i funerali religiosi, nel cimitero di Pere Lachaise, il cimitero degli artisti, in cui sono anche le spoglie di Jim Morrison, Oscar Wilde, Maria Callas.

Galleria di immagini: Maria Schneider

Dopo le riprese, infatti, la Schneider si rifugiò in un esilio volontario, in cui molti ravvisarono una tossicodipendenza. Le polemiche che seguirono il film la spinsero a odiarlo con tutto il cuore, come affermò più volte nel corso delle numerose interviste all’epoca.

“Ultimo tango a Parigi” fu censurato per molti anni, in particolare per una scena in cui Maria Schneider ha unorgasmo di 8 secondi, che nel 1976 la Cassazione decise di mandare al rogo: naturalmente ne furono conservate alcune copie, altrimenti non potremmo vederlo, come ormai accade, distribuito in DVD.

Maria Schneider era figlia d’arte, non riconosciuta, dell’attore Daniel Yves Alfred Gélin, che interpretò “L’uomo che sapeva troppo” di Alfred Hitchkook. Tra gli altri film che la Schneider interpretò vale la pena ricordare “Professione: reporter”, “Cercasi Gesù”, “Notti selvagge” e “Jane Eyre“. Negli ultimi anni, l’attrice aveva registrato un disco con Cristiano Malgioglio, in cui cantava le canzoni di un cantante italiano che tanto amava, Lucio Battisti.