Se durante il primo anno di vita mamma e papà hanno polarizzato l’attenzione del tuo bambino, noterai nel corso dei mesi successivi che lui inizierà a mostrare maggiore interesse in merito ad avvenimenti di vario tipo, che includeranno anche altre persone, quando inizierà a rapportarsi con gli altri.

L’eccitazione che il bimbo manifesta, quando ad esempio lo porti dai nonni, inizierà a poco a poco ad allargarsi anche ad altre figure che entrano a far parte della sua vita, come ad esempio i suoi amichetti. Il bambino è felice di andare dalla nonna o a casa di amici, perché sta sviluppando delle relazioni affettive più ampie, che non comprendono unicamente te.

Tutte queste esperienze lo aiutano ad avere una vita emotiva piena e appagante, nella quale il bambino può esprimere i propri sentimenti in un contesto sano, con la consapevolezza di essere amato e che anche i suoi sentimenti sono apprezzati. Con il tuo amore puoi fare molto per dare sicurezza al bambino, a prescindere dai sentimenti che lui esprime.

Piccoli capricci: ”Non voglio lavarmi”

Sporcarsi è ciò che i bambini sanno fare meglio. Toccano tutto quello che gli capita a tiro e non c’è da sorprendersi se tra le sue dita si annidano decine di milioni di batteri. Ma cosa fare se ogni volta che gli dici di lavarsi le manine lui si mette di fare i capricci?

L’igiene delle mani può evitare diverse malattie: previene la tosse, il raffreddore e il mal di pancia. Ma sgridare il bambino per costringerlo a lavarsi le mani non ottiene l’effetto desiderato. Puoi sfruttare a tuo favore il fatto che al bambino piace seguire i gesti della sua routine quotidiana, quindi anche lavarsi le mani può entrare a far parte delle sue abitudini quotidiane.

Puoi insegnargli a farlo, ad esempio, prima di mangiare, dopo aver giocato all’aperto o con il cagnolino, dopo essere stato in bagno e dopo aver soffiato il nasino. Con il tuo aiuto, tutto questo entrerà automaticamente a far parte delle sue abitudini e alla fine il bambino inizierà a lavarsi le manine senza che tu glielo debba ricordare ogni volta che ne ha bisogno.

Aiuta il tuo bambino a scegliere un sapone liquido di suo gradimento. Dagli il buon esempio: vederti lavare le mani potrà invogliarlo ad imitarti. Lavati le mani insieme a lui. Questo piccolo gesto può diventare una sorta di gioco da fare in bagno. Insaponagli un po’ le manine, poi digli di contare fino a 10, mentre si frega le manine energicamente, prima di vedere sparire le bolle nello scarico. Successo assicurato…