Shutter Island“, diretto da Martin Scorsese e con Leonardo Di Caprio, ha terrorizzato anche i suoi personaggi. Infatti, nonostante il buon esordio al botteghino, il film ha avuto una lunga gestazione.

Il regista Martin Scorsese ha dovuto sospendere le riprese a circa metà del film perché il plot risultava per lui troppo traumatizzante.

Così il regista ha dichiarato:

“C’è stato un momento in cui mi sono dovuto fermare. Non potevo più lavorarci sopra. Era troppo, veramente troppo per me”.

Il film ha traumatizzato anche il protagonista, Leonardo Di Caprio, che interpreta un uomo con forti traumi psicologici e gravi debolezze.

Di Caprio ha così commentato:

“A poche settimane dalla fine del film, ho iniziato a dimenticare dove fossi. Abbiamo spinto il mio personaggio così oltre, superando ogni limite umano. Ogni giorno sul set dovevo immergermi in questi eventi traumatici, che a volte erano sogni altre volte realtà. Ricordo che dicevo a Marty (Scorsese) “Non ho assolutamente idea di dove sia o cosa stia facendo”.

Se il film ha spaventato così tanto sia il regista che il protagonista, sicuramente traumatizzerà anche il pubblico in sala.