Steve Kloves è lo sceneggiatore che ha curato l’adattamento cinematografico dei romanzi della scrittrice britannica JK Rowling per gli ultimi sette capitoli della saga fantasy di “Harry Potter”. Secondo quanto egli stesso ha reso noto, l’eventuale insuccesso della pellicola “Harry Potter e i Doni della morte” sarà da imputare solo a lui.

Così lo sceneggiatore ha spiegato:

Se alla gente piacerà “Harry Potter 7″, il successo è dovuto al libro da cui è tratto. Se invece alla gente non piacerà il film, questo sarà esclusivamente per colpa mia.

In realtà, la Warner Bros. non ha mai cambiato sceneggiatore negli anni, perché grazie al lavoro di Kloves, gli adattamenti cinematografici dei romanzi della Rowling hanno registrato sempre un enorme successo di botteghino. Così durante la lunga vita della saga di “Harry Potter” sono cambiati i registi, alcuni personaggi, ma mai lo sceneggiatore.

Kloves ha raccontato in una recente intervista com’è cambiata la sua vita grazie a “Harry Potter”:

La cosa più importante e bella che mi è capitata negli ultimi dieci anni è stata l’amicizia con J. K. Rowling. Lei è la persona più incredibile e fantastica che esista sulla terra! La prima cosa che ti colpisce di lei è la sua intelligenza. Ho dovuto scrivere sceneggiature che fossero intelligenti e frizzanti come erano i suoi libri e come era lei stessa.

L’amicizia con la scrittrice sicuramente ha aiutato Kloves a interpretare meglio i romanzi e a renderli meglio nella sceneggiatura. Kloves ha dovuto, inoltre, in questi anni fronteggiare le critiche e gli apprezzamenti dei fan della saga letteraria.

“Harry Potter e i Doni della morte” rappresenta così non solo il capitolo conclusivo della saga cinematografica, ma anche l’ultima prova, che sarà presto sotto esame, dello sceneggiatore Kloves.