Sono poche le donne che hanno le idee chiare su quanti bimbi vogliono avere. Nella maggior parte dei casi ci si concentra a lungo sul primo figlio, che rappresenta una novità talmente grande da assorbire tutte le energie possibili, lasciando sedimentare il pensiero di un fratellino.

Ma prima o poi, questa domanda si presenta ben chiara nella mente di ogni mamma che non vuole fermarsi a uno: qual è il momento giusto per una seconda gravidanza?

Galleria di immagini: Neonati

I casi, solitamente, sono due. C’è chi non vede l’ora di rimanere incinta di nuovo, anche a poche settimane dal parto del primogenito, e c’è chi invece rimanda all’infinito la decisione di provare ad avere un secondo figlio. Secondo il dottor Rishma Dhillon Pai, come leggiamo su TimesOfIndia, entrambe queste scelte sono un po’ troppo azzardate, infatti il corpo di una donna necessita di un tempo ben preciso per ritrovare la condizione ideale per una gravidanza.

Si parla dei livelli di calcio, ferro, acido folico, che se carenti o presenti in quantità non ideale potrebbero creare problemi alla futura bis mamma, così come al feto. D’altra parte, anche attendere troppo è altamente sconsigliato, infatti secondo alcuni studi recenti se trascorrono più di cinque anni dalla prima gestazione, la seconda ha più probabilità di non andare a buon fine.

“La gravidanza può anche comportare la perdita di grandi quantità di sangue, e ciò rende indispensabile che il livello del ferro sia ripristinato prima di una seconda gravidanza, altrimenti si rischia l’anemia. Si è constatato che le madri che aspettano un minimo di 18 mesi tra una gravidanza e l’altra, presentano un più basso rischio di parto pre-termine o di basso peso alla nascita del bambino. Un’attesa superiore ai due anni riduce il rischio che il bambino sviluppi problemi di salute durante i primi cinque anni di vita. Altri studi hanno dimostrato che l’attesa di più di cinque anni aumenta il rischio di un esito negativo.”

L’apparato riproduttore femminile, infatti, è soggetto al naturale invecchiamento, e in età avanzata ci sono più probabilità di complicazioni, nonché di patologie genetiche del feto, come la stessa sindrome di Down. Non meno di diciotto mesi, quindi, e non più di ventitre. Questo sembra essere il momento ideale per concepire un secondo figlio, sebbene molte coppie di genitori preferiscono attendere un tantino di più, per far si che il primogenito sia abbastanza indipendente e già in età da poter frequentare la scuola dell’infanzia.