Il tanto atteso bebè è arrivato, siete al settimo cielo dalla gioia ma vi terrorizza l’idea di tornare alla routine lavorativa quotidiana. La domanda che assilla ogni mamma lavoratrice è sempre la stessa: come fare a organizzare tutto, il {#lavoro} e la famiglia?

La risposta è semplice: basta seguire alcuni pratici suggerimenti, sei consigli dedicati alle mamme che devono negoziare l’orario di lavoro con il capo, o comunque cercare di conciliare figli e professione per destreggiarsi al meglio.

Ritagliarsi tempo per sé: desiderare un po’ di tempo tutto per sé è umano e comprensibile e, soprattutto, giusto. Diventare genitori è un’esperienza fantastica ma alle volte può rivelarsi causa di stress e sensi di colpa. Si tratta di un problema comune sia per le mamme sia per i papà, una condizione negativa che rischia di rovinare quei bei momenti che invece si potrebbero passare serenamente con il proprio bebè, godendosi questa gioia.

Dividersi nei lavori di casa e la cura del bambino: provate a definire un elenco di chiare e incontrovertibili responsabilità per mandare avanti la casa e il bambino. Decidete in anticipo chi nella coppia si occuperà di fare la spesa, pulire, e di tutte le altre mansioni necessarie.

Sfruttate ogni momento libero: perché non provate a rilassarvi mentre siete alla guida? Non fate diventare il tempo che passate in macchina un ulteriore motivo di stress. Ascoltate un audiolibro, raggiungere a piedi o in bicicletta il vostro posto di lavoro, se non è troppo lontano, oppure rilassatevi osservando le persone che incontrate per strada. Oppure sfruttate il tempo che passate sui mezzi pubblici per leggere un buon libro, giocherellate con il vostro smartphone o lasciatevi andare a un bel sogno a occhi aperti.

Individuate delle priorità: quando un bambino arriva, è necessario riconsiderare tutte le priorità. Potreste rimandare al weekend i lavori domestici, oppure aspettate che il piccolo si sia addormentato per andare alla posta. Piccoli suggerimenti che vi aiuteranno a mantenere la tranquillità e a non impazzire. Considerate una priorità anche il tempo che passate con il partner.

Semplificate il momento dei pasti: date un taglio al tempo che passate in cucina. Troverete facilmente centinaia di ricette semplici e gustose che possono essere pronte in mezz’ora o anche meno. Esistono poi ricette che potrete preparare in anticipo e risparmiare tempo e stress.

Negoziate un orario flessibile con il vostro capo: non c’è niente di male nel chiedere una maggiore flessibilità sul lavoro proponendo un cambio, magari rimanere qualche ora in più per un giorno a settimana e poi andarvene via un po’ prima in un altro giorno. Oppure lavorate da casa, chiedete un part time. Una buona soluzione potrebbe essere far accompagnare il bambino al nido dal vostro partner mentre voi andate presto in ufficio, così da poter essere a casa prima e risparmiare sulla baby sitter.

La cosa più importante di tutti è riuscire a ritagliarsi qualche ora per sé stesse. Troppo spesso, infatti, tutto il peso viene caricato sulle spalle delle mamme lavoratrici. Seguendo questi 6 consigli per organizzare il tempo riuscirete a giostrarvie al meglio tra il lavoro e il vostro bambino.