Il femminismo sembra scomparso ogniqualvolta spunta una notizia del genere. Uno strip club di Windsor in Ontario, Canada, ha offerto una borsa di studio alle ragazze che abbiano voglia di lavorare nel locale e laurearsi all’università locale. A volte si crede che la discriminazione sessuale non coinvolga la scuola e l’istruzione, ma in realtà molto spesso accade, perché la discriminazione fa parte della società.

E anche in una società evoluta come quella canadese, la discriminazione sessuale è un fatto tangibile. E spogliarsi per denaro e avere una borsa di studio forse rappresenta la sola occasione per molte donne per ottenere un’istruzione superiore. Le teorie del femminismo in questi casi sembrano un ricordo lontanissimo, anche se negli anni ’70 le femministe stesse proclamavano l’assoluta indipendenza del proprio corpo da qualunque fattore esterno: vendere o svendere la propria immagine forse non è il primo passo giusto per riconciliarsi con la propria autostima intellettuale.

Ma tant’è, non bisogna pensare che neppure così sia una passeggiata. Infatti, lo strip club che ha dato vita alla bizzarra iniziativa, e che ha già ricevuto molte richieste di lavoro-borsa di studio, esige che le studentesse di giorno e stripper di notte mantengano una media che si attesti almeno alla B.

Tuttavia, la discriminazione sessuale non può essere cancellata neppure con questo, anche se purtroppo la scuola, e non solo in Canada, è diventata talmente tanto costosa da richiedere a tutti coloro che vogliano apprendere dei sacrifici.

Fonte: Huffington Post.