Nel 1965, più precisamente nel mese di marzo, Martin Luther King guidò una contestazione pacifica a Selma, in Alabama, per manifestare contro gli abusi subiti dai cittadini afroamericani negli Stati Uniti. Una protesta repressa con il sangue, ma rivoluzionaria e destinata a costituire un tassello importante nella lotta per i diritti civili. Il film Selma: la strada per la libertà, vincitore di un Golden Globe (migliore canzone originale) e candidato a due premi Oscar (migliore canzone originale e miglior film) racconta gli eventi di quel periodo. L’arrivo nelle sale cinematografiche italiane è fissato per giovedì 12 febbraio.

La regia

Diretta dalla regista Ava Duvernay, la sceneggiatura di Paul Webb ripercorre i giorni in cui l’attivista tentò per tre volte di arrivare a Montgomery seguito da migliaia di persone. Una protesta che portò nell’estate successiva all’approvazione del Voting Right Act, legge grazie alla quale i cittadini neri hanno acquisito il diritto di voto negli USA. La ricostruzione cinematografica degli eventi mostra la forza delle battaglie politiche condotte negli uffici del potere, così come la determinazione e la fede della gente nelle strade, facendo emergere al contempo i problemi che Martin Luther King ha dovuto affrontare nella sua sfera privata.

Il cast di attori

Il cast di attori vede David Oyelowo nei panni di King, Tom Wilkinson in quelli del presidente Johnson, Cuba Gooding Jr. interpretare Fred Gray e Alessandro Nivola portare sul grande schermo John Doar. Sono poi presenti Carmen Ejogo (Coretta Scott King), Lorraine Toussaint (Amelia Boynton), Tim Roth (il governatore George Wallace), Oprah Winfrey (Annie Lee Cooper), Tessa Thompson (Diane Nash), Giovanni Ribisi (Lee C. White), Common (James Bevel) e Colman Domingo (il reverendo Ralph Abernathy).

John Legend “Glory”

Il cantautore John Legend ha inciso il brano “Glory”, in collaborazione con il rapper Common, per la colonna sonora del film. Il brano è già stato premiato ai Golden Globe come Miglior Canzone Originale e ha ricevuto una nomination agli Oscar. Secondo Legend, il testo è paragonabile a una sorta di “travaglio d’amore” dedicato agli incredibili uomini e donne di cui parla la pellicola.

Selma is now for every man, woman and child, even Jesus got his crown in front of a crowd.

#IoMarcioPerche

Così come Martin Luther King ha marciato verso Selma, ognuno può far valere la propria opinione sul Web, grazie all’iniziativa Io Marcio Perché. Promossa da Notorious Pictures, The Space Cinema, MSN e Corriere della Sera, la proposta è rivolta a tutti: per partecipare è sufficiente scattare una fotografia o registrare un video con un cartello riportante la propria motivazione e #IoMarcioPerche ben visibile. Il contenuto deve poi essere condiviso su Instagram o Twitter tramite l’hashtag, così da poter essere pubblicato automaticamente sul sito iomarcioperche.it. I contributi migliori saranno protagonisti di un filmato speciale diffuso sul Web.

Pubbliredazionale