Barbara D’Urso attaccata in Rete per via di un suo filmato realizzato per Carmelita.it. Nel video protestava contro Trenitalia, o meglio contro i Frecciarossa, perché ha dovuto attendere il treno in ritardo al freddo, dato che non le era stata consegnata ancora la sua tessera platino che le dava la possibilità di attendere in una sala d’aspetto riservata. Su questo filmato è intervenuta con la sua solita verve Selvaggia Lucarelli, che ha stigmatizzato con ironia l’atteggiamento della presentatrice. Intanto, da Trenitalia fanno sapere che la carta era stata recapitata, ma non era ancora in possesso della conduttrice al momento fuori sede.

=> Scopri il saluto ai ciechi di Barbara D’Urso

Galleria di immagini: Barbara D'Urso

Selvaggia Lucarelli ha scritto questo status su Facebook, a seguito del filmato di Barbara D’Urso:

«Mio figlio di anni 8 prende svariati treni al mese per andare a Roma e attende sui binari con o senza raffreddore. E se ti vede infreddolita si leva pure il cappotto per coprirti. Non frigna a 8 anni, figuriamoci se lo farà a 50. Di Frecciarossa ne prendo molti anche io attendendo stoicamente sui binari in balia di tsunami e tempeste di fulmini globulari e no, non sono sempre in ritardo. Se a te spetta la tessera platinum perché prendi il Freccia Rossa prima classe due volte a settimana, quelli che si fanno la tratta Napoli – Aversa meritano la tessera coi diamanti di Liz Taylor incastonati tra un numero e l’altro. Il colpo di tosse iniziale per enfatizzare il dramma manco mio figlio quando finge il mal di pancia per lasciare al verdura nel piatto. Visto che sei malata, magari prendi un aereo. Ah già, hai la fobia. Che poi non hai paura di intervistare Misseri e Berlusconi nella stessa puntata e hai paura dell’aereo. Bah. Chi ti capisce. Perché parli come una pischella di Roma Nord (Barbara D’Urso è napoletana, ndr)? Sei su un treno, mica in un film di Moccia. Visto che ti definisci “rispettosa”, i piedi giù dal sedile. Grazie.»

=> Scopri l’intervista di Barbara D’Urso a Michele Misseri e Silvio Berlusconi

Il filmato della D’Urso ha sollevato un polverone, a fronte di migliaia di pendolari che spesso sono costretti a viaggiare a volte anche su treni in ritardo, magari in piedi perché i posti non sono sufficienti, per esplicare un lavoro quotidiano che non è così ben pagato con il suo. Oltretutto ci si chiede, se così febbricitante, perché la conduttrice non abbia atteso in una delle sale d’aspetto standard riservate ai viaggiatori, che sono presenti in tutte le stazioni Trenitalia e sono molto sovente anche ben vigilate dalle forze dell’ordine. Il video è sembrato a moltissimi eccessivo nei contenuti, ma anche negli atteggiamenti tenuti dalla conduttrice.

Persino i VIP si sono schierati contro di lei. Oltre alla Lucarelli, Lucio Presta aveva postato su Twitter una foto con le sue tessere ringraziando sia Trenitalia che Italo per averlo sempre considerato un viaggiatore top, mentre Francesco Facchinetti aveva raccontato in un tweet che lui ama viaggiare in Economy, in modo da fare amicizia con tutti quelli che incontra. Ma la lezione di modestia dei VIP è il prezzo che si paga quando ci si arrischia a prendere una posizione che sul Web potrebbe risultare potenzialmente impopolare.

Fonte: Yahoo.