Michele Santoro è stato querelato da Nicole Minetti per una battuta fuori luogo che ha suscitato l’ilarità del pubblico a Servizio Pubblico, ma potrebbe costargli un’indagine per diffamazione a mezzo stampa. Diva e Donna riporta infatti l’intenzione della Minetti di querelarlo per questa ragione, per qualcosa che il giornalista ha detto in trasmissione.

=> Scopri le dichiarazioni di Nicole Minetti su preparazione e politica

Galleria di immagini: Nicole Minetti, virale Gay TV

La questione non è da poco: Michele Santoro ha letteralmente messo in mezzo Nicole Minetti in un discorso che era a un tempo politico e morale. Ospite a Servizio Pubblico era l’europarlamentare leghista Matteo Salvini, intento a difendere un’istanza molto diffusa ultimamente, quella della tassazione della prostituzione, che il conduttore ha ripreso come l’ipotesi di riapertura delle case di tolleranza.

Così Santoro ha chiosato:

=> Scopri Nicole Minetti imputata nel Rubygate

«Parla di organizzare un po’ di casini, insomma. Magari chiedere una consulenza alla Minetti sarebbe interessante.»

Quindi la Minetti si è sentita offesa e diffamata da queste parole, rincarate dal fatto che la consigliera è indagata per induzione e favoreggiamento della prostituzione nell’ambito Rubygate. Ma sta alla giustizia dire cosa la Minetti abbia fatto o meno: tutti sono presunti innocenti finché la legge non stabilisce il contrario. Per cui i legali della Minetti pare sporgeranno querela e, se la giustizia stabilirà che esiste un’ipotesi di reato da parte di Santoro, sarà lui a doversi difendere stavolta.

Fonte: Davide Maggio.