Sesso: 10 consigli per la prima volta

La prima volta a letto
Due giovani innamorati che consumano l'intimità di coppia.
La prima volta che si sperimentano le emozioni del sesso rimane per sempre impressa nella mente di ogni persona. E come la perdita della verginità, anche fare sesso con un nuovo compagno può essere davvero importante per una persona che comincia una nuova storia d'amore. Ma quali sono i principali consigli da poter elargire a chi si appresta a fare sesso per la prima volta? La salute e la sicurezza viene prima di tutto, per cui conoscere l'uso dei contraccettivi è il primo passo da compiere nelle relazioni sessuali di qualsiasi tipo. Anche se una donna sceglie di utilizzare la classica pillola anticoncezionale, il farmaco ormonale considerato il più sicuro tra quelli reversibili, è sempre consigliabile l'uso del preservativo da parte dell'uomo per evitare la trasmissione di malattie sessuali. Inoltre è davvero importante parlare delle storie sessuali passate, in modo da avere qualche indicazione in più sulla salute sessuale del nuovo partner. Secondo gli esperti, la prima volta a letto con un uomo, o anche un nuovo partner, non sarà mai perfetta: il rapporto sessuale, infatti, si perfeziona con il tempo e soprattutto prendendo confidenza con il corpo del proprio compagno. Quindi non bisogna aspettarsi una notte indimenticabile, se è la prima volta che si approccia al sesso. Questa spiegazione fornita dagli esperti giustifica anche il senso di inadeguatezza che si prova la prima volta che si viene a contatto con un nuovo partner: non si tratta quindi di un problema legato all'incompatibilità dei caratteri o a un'assenza di romanticismo, ma è semplicemente legato a un aspetto fisico e materiale del sesso. Un ulteriore consiglio è respirare a fondo per evitare che il nervosismo della "prima volta" possa tendere i nervi del corpo al punto di provocare dolore e compromettere l'atto sessuale. Appena si provano sensazioni riconducibili all'ansia da prestazione è bene fermarsi, respirare e riposarsi prima di ripartire con il sesso. Non bisogna temere il giudizio del partner: si è già esperto sa bene cosa significa essere tesi durante la "prima volta" e capirà la necessità di fermarsi per riprendere fiato. Il sesso non è sinonimo di semplice penetrazione ma comprende anche contatto fisico, preliminari e tutte quelle emozioni che aiutano a incrementare l'eccitazione sessuale. Baci, carezze e coccole fanno parte dell'esperienza sessuale nonostante nell'immaginario collettivo siano quasi date per scontato, ritenute quindi esterne al rapporto fisico di una coppia. Durante la prima volta è fondamentale approfittare dei preliminari per rompere il ghiaccio e vincere la timidezza che colpisce quando ci si trova ad affrontare la prima esperienza sessuale della propria vita. Per le donne, è consigliabile assicurarsi di essere sufficientemente eccitate prima di entrare nel vivo del rapporto sessuale. L'eccitazione femminile non è solo legata al piacere provato durante il rapporto, ma è anche fondamentale per la riuscita della penetrazione. Qualora una donna non senta lubrificata a sufficienza, non dovrebbe aver timore di utilizzare un lubrificante a base d'acqua, in modo da favorire il rapporto sessuale senza troppi intoppi. Preparare il terreno prima del rapporto sessuale è molto importante per chi non ha ancora provato le gioie del sesso. Per evitare delusioni, e soprattutto per cercare di soddisfare i bisogni del partner, è meglio confrontarsi con il proprio compagno sui gusti personali relativi al sesso. Bisogna quindi superare l'imbarazzo nel parlare di cosa è eccitante, delle posizioni preferite, e tanto altro ancora. Anche se il partner si vanta di aver avuto innumerevoli relazioni sessuali con persone differenti, non bisogna dare per scontato che egli sia esperto di sesso: questo perché ogni incontro è una storia a sé stante e ogni persona vive il sesso in modo differente. Qualsiasi sia stata la fonte di informazioni del partner, sia essa dovuta a esperienze vissute o raccontate dagli amici del bar, bisogna preoccuparsi solo di stare bene durante il rapporto sessuale. Essendo l'orgasmo vaginale molto più difficile da raggiungere rispetto a quello clitorideo, può capitare di non raggiungere l'orgasmo durante il primissimo rapporto sessuale. Nell'eventualità che si possa verificare tale inconveniente, non c'è da preoccuparsi: può capitare, infatti, che non la vagina non venga stimolata correttamente e per i tempi necessari a raggiungere l'orgasmo. Quindi, non bisogna dare per scontato che si toccherà l'apice dell'eccitazione durante il rapporto. L'orgasmo simulato, una pratica che molte donne adoperano per non ferire l'orgoglio maschile e celare al partner l'impossibilità di raggiungere l'orgasmo tramite penetrazione, è altamente sconsigliato nei rapporti sessuali, specie durante la prima volta. È invece consigliabile far capire al partner quando si è in procinto di raggiungere l'orgasmo in modo da stimolarlo a continuare la penetrazione. Infine, qualora si dovessero presentare problemi maschili come eiaculazione precoce e problemi di erezione non bisogna dare la colpa al rapporto sentimentale: tali problemi sono molto comuni tra i ragazzi che per la prima volta fanno sesso con una nuova compagna.
Tag: coppia, sesso
  • Vincenzo Puppo

    L’orgasmo vaginale NON esiste (quindi l’eiaculazione precoce NON è una disfunzione-malattia!…)!!!…
    Rapporto sessuale completo-fare l’amore significa orgasmo per entrambi i partner con o senza il rapporto vaginale (definizione per tutti gli esseri umani!!!), anche la prima volta e dopo la menopausa!
    E con la contemporanea stimolazione del clitoride durante il rapporto vaginale tutte le donne possono avere uno o più orgasmi sempre, anche la prima volta!!! (vedi i video in youtube-newsexology)
    Vincenzo Puppo
    Medico Sessuologo, CIS.

    • margherita

       beh mi permetto di dire che non sono d’accordo proprio su tutto  dottore perché se un rapporto sessuale completo-fare l’amore significasse sempre orgasmo per entrambi….non dovrebbero esserci al mondo donne esaurite ahahaha non crede? per il resto non posso certo contraddirla ma.. sull’orgasmo per entrambi…la vedo dura:-) ovviamente e fortunatamente ci sono le meravigliose eccezioni:-)

    • margherita

       beh mi permetto di dire che non sono d’accordo proprio su tutto  dottore perché se un rapporto sessuale completo-fare l’amore significasse sempre orgasmo per entrambi….non dovrebbero esserci al mondo donne esaurite ahahaha non crede? per il resto non posso certo contraddirla ma.. sull’orgasmo per entrambi…la vedo dura:-) ovviamente e fortunatamente ci sono le meravigliose eccezioni:-)

    • Mbah

      Mi scusi, non vorrei contraddirla, ma come fa lei a sapere che l’orgasmo vaginale non esiste? Non credo proprio l’abbia mai provato. E se per lei l’eiaculazione precoce non è una disfunzione, evidentemente non ha mai sofferto, ne subito, questo problema.

  • Vincenzo Puppo

    - “come fa lei a sapere che l’orgasmo vaginale non esiste?”
    Semplice, come lo sanno tutti i sessuologi e anatomisti da decenni (e secoli)!!! La vagina non ha una struttuta anatomica capace di scatenare un orgasmo e si parla di “orgasmo vaginale” solo dal 1905 quando lo ha inventato Freud senza basi scientifiche, scrive Laqueur nel 1990: Freud ha inventato l’orgasmo vaginale per fare accettare alle donne il loro ruolo sociale… e così si è dimenticato il clitoride…
    Domanda: che differenza fa per una donna (poche!) che ha l’orgasmo con il pene in vagina se invece di chiamarlo “orgasmo vaginale” si chiama più correttamente “orgasmo femminile”?…
    Non fa nessuna differenza!!! Lo fa invece per la stragrande maggioranza delle donne che così non si sentirà più anormale o inferiore!!! Tutte avete il clitoride (e gli altri organi erettili…) e con la sua contemporanea stimolazione anche durante un rapporto vaginale tutte potete avere uno o più orgasmi sempre!!!
    - L’eiaculazione maschile non può essere precoce perché l’orgasmo vaginale NON esiste: la durata di un rapporto vaginale non è importante per le donne!!!  L’eiaculazione precoce è stata inventata solo per vendere più farmaci e fare altre terapie sessuologiche per i maschi… La funzione sessuale maschile e femminile deve essere studiata (come qualsiasi altra funzione del corpo) nel soggetto stesso (NON in relazione con un altro!), quindi si deve indagare la masturbazione maschile e femminile!!!…(vedi anche le disfunzioni sessuali femminili: sono molto diffuse perché i questionari usati hanno come base il rapporto e orgasmo vaginale…).
    Vincenzo Puppo
     

    • Dott. Silvano Fascia

      Caro collega
      credo tu abbia affrontato questi argomenti con molta superficialità…
      Ma oggi è sabato 16 di Agosto e non ho voglia di entrare in discussione di merito. Magari, lo farò al mio rientro dalle ferie, la prima settimana di settembre. Se hai la possibilità riposati un pò anche tu….
      Silvano Fascia

Oroscopo
  • Oroscopo Ariete
  • Oroscopo Toro
  • Oroscopo Gemelli
  • Oroscopo Cancro
  • Oroscopo Leone
  • Oroscopo Vergine
  • Oroscopo Bilancia
  • Oroscopo Scorpione
  • Oroscopo Sagittario
  • Oroscopo Capricorno
  • Oroscopo Acquario
  • Oroscopo Pesci