Internet ha tanti vantaggi che conosciamo tutto: la velocità delle informazioni, la possibilità di essere sempre collegati al resto del mondo, il lusso di poter avere visibilità in poco tempo in maniera quasi del tutto gratuita. Il web, però, ha purtroppo anche i suoi lati negativi, tra questi il rischio di incontrare persone poco affidabili con la voglia di utilizzare la rete per scopi non proprio alti.

Si parla di sesso virtuale e, da quanto emerge in una indagine choc realizzata da Save the Children, il quadro sulle interazioni sessuali tra adulti e adolescenti, soprattutto su Internet è decisamente inquietante (leggi anche l’indagine sul sexting tra gli adolescenti). Il direttore generale Valerio Neri spiega: “Oltre il 38% degli italiani afferma che è accettabile avere rapporti anche di tipo sessuale via internet, e quindi anche un po’ virtuali, con gli adolescenti da parte di un adulto, perché non c’è niente di male. Per il 20% è assolutamente accettabile, per il 18% a condizione che il ragazzo o la ragazza sia consenziente. A noi invece pare una grande deresponsabilizzazione degli adulti”.

Per quasi 1 italiano su 10 l’iniziativa parte dai ragazzi e addirittura 1 italiano su 100 pensa che possa essere un’occasione di apprendimento per l’adolescente: “Secondo noi questa è anche una scusa, tu sei comunque un adulto, prima di riferirti a un ragazzo in rete stai attento a te come adulto. E’ troppo facile dire: loro sono disinibiti. Ci pare una giustificazione di un comportamento irresponsabile”.

Il 28% degli adulti tra i 45 e i 65 anni ha tra i propri contatti internet giovani che non conosce personalmente, sono molti di questi si affacciano alla rete per colmare un importante vuoto relazionale e affettivo della vita reale.

photo credit: caiteesmith photography. via photopin cc

photo credit: caiteesmith photography. via photopin cc