Forse molti pensano che il sesso sia una prerogativa solo dei giovani, tuttavia non è così. Non solo il desiderio sessuale è presente anche negli over settantenni, ma praticare una sana attività sessuale è caldamente consigliato per migliorare il benessere fisico e non solo.

Questa teoria, che parla degli over ’70, ’80 e anche ’90, è stata oggetto di studio della “University of Western Australia”, capeggiata da Zoë Hyde, la quale ha voluto focalizzare l’attenzione sulla terza età e sui benefici fisici e psicologici determinati dal sesso. Sembra infatti che un terzo degli uomini in età compresa tra 75-95 sia sessualmente attivo.

La salute interessa l’attività sessuale, così come l’età, ed è importante affrontare i problemi di salute prima che questi incidano sulla qualità della vita di una persona. Questa ricerca sottolinea che una sana vita sessuale non è solo per i giovani.

Si parla anche di alcuni fattori medici che, spesso, sono determinanti nella mancanza di attività sessuale negli anziani; la ricerca di queste problematiche sarà oggetto di una ricerca futura, infatti è stata la stessa dottoressa Hyde ad affermare l’importanza di identificare i possibili elementi che influenzano la sessualità.

Abbiamo trovato che la metà degli uomini intervistati ritiene importante l’attività sessuale, e un terzo ha avuto almeno un incontro sessuale nell’ultimo anno. Circa la metà di coloro che sono sessualmente attivi si sono detti soddisfatti della frequenza della loro attività sessuale.

Questa ricerca rappresenta senza dubbio uno dei pochi studi relativi alle persone appartenenti alla terza età, infatti la maggior parte delle statistiche sul sesso sono generalmente condotte soltanto sui giovani.