Come dice un famoso detto: le cose più belle della vita o sono immorali, o sono illegali, oppure fanno ingrassare. E il sesso in macchina è una di quelle. Il piacere del proibito, la paura di essere scoperti, è un forte eccitante a cui la maggior parte dei giovani non riesce a rinunciare. Attenzione però perché se si viene scoperti potrebbe costare molto caro.

Stando a un sondaggio condotto da Studenti.it:

per 8 giovani su 10 il sesso in macchina è inevitabile.

Infatti, su un campione di 1.270 votanti, il 76% ha dichiarato di aver provato almeno una volta l’ebbrezza del sesso in macchina. Di questi 14% lo ha trovato scomodo. Mentre un 10% lo considera immorale.

E la legge cosa dice a tal proposito? Il sesso in auto è reato, a meno che non si abbiano i vetri oscurati o si usi il vecchio trucco dei giornali. È quello che ha stabilito recentemente una sentenza della Corte di Cassazione, che ha condannato due giovani che si erano appartati in auto. L’avvocato Raffaele Del Gaudio ha aggiunto:

Per alcuni potrà sembrare romantico, fare l’amore in auto, pure se alle 3 di notte nel parcheggio di una discoteca integra esattamente il reato di atti osceni in luogo pubblico ex art. 527 c.p. E non rappresenta in alcun modo una discriminante il fatto che l’auto è di proprietà degli amanti o che il fatto si sia svolto a tarda ora.

La notizia è subito rimbalzata sui maggiori social network, primo fra tutto Facebook, dove si sono aperte numerose discussioni sull’argomento. Purtroppo, però, la sostanza non cambia: gli amanti dovranno raffreddare i loro bollenti spiriti, che spesso fanno capolino tra i sedili posteriore e anteriori delle proprie auto. Perché se si viene scoperti a fare l’amore in macchina si può rischiare fino a 3 anni di carcere.