Siamo donne moderne. E il sesso occasionale è diventato quasi lecito anche per noi. Avere più partner, in situazioni alla Sex and The City, diventa addirittura un vanto, proprio come lo è sempre stato negli spogliatoi maschili. Sarà stato il chick lit a emanciparci a tal punto agli occhi della società (mica tutta eh), ma non sono sicura che questa libertà sia entrata davvero nelle nostre vene femminili (un po’ per indole, un po’ per i secoli di sottomissione che abbiamo nel DNA).

L’ennesimo studio, presentato all’International Academy of Sex Research e all’Annual Convention for Psychological Science, pare confermare questo mio sentore, peraltro già esplicitato da una ricerca simile precedente. Il sesso occasionale per le donne sarebbe inversamente proporzionale all’apice del piacere. Alias: più partner, meno orgasmi.

Naturalmente il discorso vale soltanto per l’universo femminile; per gli uomini la storia è totalmente diversa: a loro basta lasciar defluire il sangue verso il basso e il gioco è fatto. Per le femminucce non è così, e questa è un’altra delle grandi differenze oggettive fra uomini e donne. Perchè l’orgasmo della donna ha poco di fisico e quasi tutto di mentale. Sarà un luogo comune, ma (purtroppo) vero.

E riuscire a farsi coinvolgere mentalmente in poche ore è molto difficile, se non impossibile, senza contare che potrebbe significare un rischio enorme: innamorarsi. Già, io direi che l’orgasmo femminile è direttamente proporzionale al sentimento, o comunque ad un’attrazione che non può aver nulla a che fare con i rapporti occasionali.

Detto questo, nessuno vieta a una donna single di fare un po’ come le pare (a parte le malelingue e le convinzioni medievaleggianti che ancora dilagano nel nostro Paese): il sesso occasionale si può praticare anche senza la sicurezza di un orgasmo.

Quel che mi inquieta riguardo i risultati della ricerca di cui sopra, è che alle donne non importa affatto di raggiungere il piacere nei rapporti occasionali, perchè sono quello che sono, perchè gli uomini spesso non si curano quasi della partner “casuale” e soprattutto perchè la donna interpreta questo genere di situazioni come momenti per dare piacere, invece che per riceverlo.

Sono d’accordo sul fatto di prendere i rapporti occasionali per quello che sono: poco più che soddisfazioni dell’ego, effimere e spesso anche tendenti alla delusione. Ma quello di non aspettarsi mai di ricevere qualcosa, mi pare fastidioso. E’ come se dovessimo ringraziare il mondo (anzi, l’universo maschile) per averci concesso di poter essere anche noi libere di scegliere con chi, quando e per quanto condividere il letto.

Una cosa è certa: visto così, il sesso occasionale è davvero brutto. Voi, praticanti, sì parlo proprio a voi: come lo vedete? Come lo vivete? Davvero vi piace? Io penso che sia più soddisfacente un corso di ballo country. Ma temo di ripetermi.

photo credit: Andrew Huff via photopin cc