Succede molto spesso che, pur di non avere un rapporto sessuale con il partner, le donne utilizzino delle scuse come il classico “mal di testa” oppure si definiscano troppo stanche dalla giornata per evitare un “no” diretto al proprio compagno. Capitano i momenti in cui si arriva a casa dopo il lavoro e tutto ciò che si vuole fare è andare a dormire, ma per alcune donne, le scuse sono diventate una vera e propria maschera dietro la quale nascondersi molto più che quelle due o tre volte.

Galleria di immagini: Problemi di sesso

Questo, secondo uno studio, avviene per un motivo ben preciso. I ricercatori della Wayne State University a Detroit hanno lavorato a una ricerca secondo la quale le donne con una bassa libido si comportano in maniera differente rispetto a quelle con un alto desiderio erotico. Ciò che avviene non è volontario, ma viene definito come un vero e proprio disagio: è stato dimostrato che le donne con una bassa libido non presentano lo stesso afflusso di sangue a certe cellule del cervello durante i momenti intimi, e questo spiega perché non provano piacere.

Non avendo provato alcun coinvolgimento profondo, il fatto diventa un problema anche a livello psicologico e si iniziano a cercare spiegazioni dell’accaduto puntando il dito sulle scarse prestazioni di lui o sullo stress momentaneo che potrebbe influire sul rapporto.

Per approfondire la ricerca lo studioso Michael Diamond e il suo team hanno preso in esame alcune donne, sottoponendole alla visione di un film erotico, e in seguito è stato chiesto alle partecipanti di fissare lo schermo spento di un televisore. Tramite una scansione con un particolare macchinario è stato rilevato un alto afflusso di sangue al cervello nelle donne con un alto desiderio, mentre nelle donne con una bassa libido non è stata rilevata alcuna differenza tra il momento in cui stavano guardando il film erotico e lo schermo vuoto.

Lo studio è stata così la prova che la libido bassa è una vera e propria forma di disturbo fisiologico. Inoltre l’elaborato, che è stato presentato all’American Society for Reproductive Medicine nel Colorado, ha dimostrato che il problema si sta espandendo sempre di più con a rappresentanza 19 donne con tale problema e solo 7 con un normale desiderio.