Se si decide di sposare una persona si fa generalmente una scelta ben precisa, impegnandosi alla monogamia più assoluta e a non concedersi ad altri partner al di fuori della propria moglie, o marito. Il pensiero di fare sesso solo con il coniuge per il resto della vita è però un rospo un po’ troppo difficile da ingoiare.

C’è chi ha trascorso gli anni della giovinezza saltando da un letto all’altro, e c’è anche chi, al contrario, si è conservato illibato fino al matrimonio rinunciando al sesso in vista di un sogno da realizzare. È più probabile, tuttavia, che i meno esperti in materia debbano fare i conti con qualche rimpianto, riflettendo proprio sulle esperienze mancate.

Galleria di immagini: Sesso estremo

Prima di sposarsi, quindi, bisognerebbe domandarsi con quanti partner si è andati a letto, non tanto per essere sinceri con il futuro compagno di vita ma soprattutto per essere sicuri di non mettere in crisi le nozze a causa dell’improvviso sopraggiungere di desideri finora sopiti.

Esiste una teoria abbastanza bizzarra chiamata la Teoria di Bonk, un sistema di calcolo ben preciso che ci informa non solo sul numero di partner ideali da avere prima di sposarsi, ma ci illustra anche la loro tipologia precisa.

Alla base di questa scuola di pensiero c’è la sapiente mente di Clio Cresswell, un matematico australiano che ha scoperto la cifra chiave che permette a ogni individuo di sposarsi senza rimpianti. Precisamente, dodici partner sessuali sono sufficienti per avere chiare le dinamiche del sesso e scoprire se la persona che si desidera sposare è all’altezza delle proprie esigenze.

In cima a questa classifica di performance sessuali c’è la figura dello straniero, protagonista delle fantasie erotiche di molte persone e, soprattutto, simbolo di libertà e totale assenza di vincoli. Segue il sesso con un celebrità, un po’ più difficile da realizzare ma senza dubbio intrigante.

E ancora, non bisogna esimersi dall’avere rapporti intimo con qualcuno che ha un’età molto diversa dalla propria, magari una focosa signora per quanto riguarda i giovani maschi e un affascinante uomo maturo per le ragazze. È concesso tutto, tranne che sedurre un minorenne.

Può sembrare strano, ma il classico bravo ragazzo, o la ragazza tutta casa e lavoro, rappresentano figure molto attraenti dal punto di vista sessuale, e spesso sono anche i partner che regalano più sorprese sotto le lenzuola.

Se poi a cedere alle avances fosse la prima cotta adolescenziale sarebbe una conquista senza precedenti, basta pensare a tutti gli anni della scuola persi correndo dietro a qualcuno considerato all’epoca irraggiungibile.

Infine, per addentrarsi ancora più sul proibito, perché non concedersi una notte di sesso con un ex? Oppure con un amico, o amica, considerato finora fraterno?