Il 30% delle donne italiane non ha voglia di fare sesso. Una donna su tre, dunque, soffre di un drastico calo del desiderio, e la questione presenta numerosi risvolti, quali difficoltà a raggiungere l’orgasmo, dolore durante i rapporti, alterazioni del ciclo, disturbi dell’umore e infertilità.

I dati emergono in base a uno studio recentemente condotto nell’Università di Pavia. Il problema è in gran parte biologico, in quanto spesso è causato da un basso livello di endorfine, quelle molecole che regolano i meccanismi del piacere e della protezione dal dolore. Però è possibile anche che coloro che non sentono la necessità fisica di fare sesso è perché in realtà sono troppo indaffarate e hanno meno tempo da dedicare al partner.

Altra componente importante che porterebbe al calo del desiderio sarebbe la scarsa e irregolare attività fisica che gran parte di noi donne svolge. Questa infatti migliora l’umore, le funzioni gastrointestinali, il rilascio delle endorfine e soprattutto mantiene il cervello in funzione. Il problema risiede nel fatto che solo il 24% delle italiane ha capito l’importanza dell’esercizio fisico.

Come rimediare alla situazione se non si ha mai voglia di fare sesso? Lo spiega Alessandra Graziottin, direttore Centro di Ginecologia San Raffaele di Milano:

Il rimedio si chiama drospirenone, l’unico progestinico contenuto nella pillola contraccettiva che agisce su queste sostanze. Ha dimostrato, dopo soli 6 mesi di assunzione, di favorire un aumento della libido, un miglior raggiungimento dell’orgasmo e una più alta frequenza di rapporti. Lo sport può essere uno straordinario detonatore per scatenare le endorfine, essenziali per determinare una sessualità appagante. Ma l’aiuto della medicina è necessario quando il disturbo diventa più severo.