Si è conclusa la Settimana della Moda Milanese e l’opinione generale dei vari addetti del settore è che, anche per quest’anno, la manifestazione milanese ha riscosso un ottimo successo, sia in termini di stampa che di buyers, ribadendo l’importanza della piazza milanese nel settore della moda.

Mario Boselli, presidente della Camera nazionale della moda italiana, dopo la chiusura della Settimana della Moda di Milano, ha commentato:

E’ andata molto bene. Diciamo che i buyer e la stampa internazionale che ci doveva essere c’era. Vorrei mettere particolare enfasi sugli  ultimi due giorni. Si e’ fatto un gran parlare con anche qualche polemica sui giornali di Armani e di Cavalli, del fatto che l’ultimo giorno non ci sarebbe stata piu’ gente.

Ed invece i fatti hanno dimostrato che la scelta delle date e degli stilisti effettuata da Boselli si è rivelata, se pur ardita, vincente:

Ieri e’ stato un giorno clamoroso. A partire dalla prima sfilata della mattina con Dsquared, per proseguire con gli altri: da Cavalli non si riusciva a stare non solo seduti, ma nemmeno in piedi e c’erano tutti quelli che ci dovevano essere.

Un ottimo risultato per la Camera della Moda e per tutti gli stilisti che hanno partecipato e che hanno contribuito a rilanciare la moda italiana e il made in Italy in tutto il mondo.