Una insolita censura tutta in perfetto stile italiano ha colpito la pellicola erotica in versione tridimensionale “Sex & Zen 3D”, uscita nelle sale il 30 settembre scorso.

Il film, diretto da Christopher Sun Lap Key e ispirato a un classico della letteratura erotica cinese, è stato campione di incassi proprio in Cina, dove ha battuto persino film di successo come “Avatar”.

Galleria di immagini: Sex and Zen 3D

In Italia però, almeno dalla prima settimana di programmazione, non pare che il film sia stato apprezzato come in Oriente, tant’è che ha incassato soltanto 63.000 euro. A questo punto però ci si chiede se la colpa di questo mancato decollo in sala, possa dipendere dai clamorosi tagli disseminati durante tutto il film.

In effetti, la storia raccontata da Sun Lap Key conduce lo spettatore in una spirale dove la lussuria e il sesso estremo la fanno da padrona, quindi sicuramente non adatta a tutto il pubblico, ma la presenza di tagli non aiuta il film, rendendolo ancora più frammentario e disorganizzato.

Ciò però che gli spettatori accorsi al cinema per vedere il film non hanno per niente apprezzato, è stata la scoperta della censura, solo dopo la visione<del lungometraggio. Così, dai 129 minuti iniziali, riportati nei siti ufficiali, in Italia gli spettatori hanno potuto assistere a 90 minuti scarsi di girato.

A questo punto, solo dopo le numerose segnalazioni ricevute, la Lucky Red che si è occupata della distribuzione italiana del film, ha fatto sapere tramite la pagina ufficiale di Facebook che in Italia è stato deciso di proiettare la pellicola in una versione più soft, mentre chi avrà voglia di vedere il film per intero, dovrà aspettare che esca in home video in versione uncut.

Fonte: Badtaste