Oggi, 15 marzo, si festeggia la quarta edizione della Giornata Mondiale della Lentezza: 24 ore in cui dire basta ai ritmi frenetici che ci caratterizzano per riscoprire il piacere di una vita vissuta con calma e tranquillità, cogliendo anche l’occasione per riflettere sui danni prodotti da una società che fa tutto troppo velocemente.

È infatti sullo slogan “rallentare quando possiamo, correre quando dobbiamo” che si basa la filosofia dell’Associazione Onlus “L’Arte del Vivere con Lentezza”, fondatrice della singolare ricorrenza che prevede una serie di iniziative in Italia e all’estero.

A Milano, nella centralissima Piazza San Babila, chi supererà i limiti di “velocità-felicità” potrà essere multato e si terranno inoltre una serie di iniziative volte a far assaporare il piacere di vivere senza fretta, quali incontri, passeggiate e pause-tisana. A Treviso, invece, sono in calendario gare per decretare la migliore idea di come vivere lentamente, mentre a Cuneo è prevista una “serata della lentezza” ricca di attività presso il Centro Nooosoma; ancora, a Benevento l’Associazione “Parliamone” ha organizzato “S-Concerto mi guardo intorno e penso lentamente!”, concorso che premierà la migliore frase sul pensiero lento. Sempre a Benevento, previste passeggiate ecologiche alla scoperta delle bellezze storiche della città. Scendendo a Sud, a Bari spazi dedicati alla riflessione e, a Bitonto, percorsi per scoprire le bellezze della città, gustando al contempo prelibatezze cotte lentamente sul fuoco. Singolare l’iniziativa prevista a Caltanissetta, dove i mezzi pubblici saranno gratuiti e offriranno la possibilità di leggere a bordo i “Comandalenti”, ovvero una serie di indicazioni per riscoprire il piacere della calma e della cortesia.

Infine, oggi sarà un giorno “lento” anche a Shangai: Bruno Contigiani, il fondatore e presidente dell’associazione che ha creato la Giornata, si dedicherà infatti a una serie di perfomance lungo il Bund, in Nanjing Road e in Peoplés Square, durante le quali multerà e intervisterà i cittadini troppo di fretta. Nella città cinese l’iniziativa perdurerà fino al 19 marzo con un ricco calendario di attività e incontri. Live slow.