Tradimento: un ufficiale della Marina Militare americana, congedato lo scorso mese dal suo incarico su un sottomarino nucleare in Connecticut, ha inscenato la propria morte per rompere con la sua amante conosciuta in Rete. Una notizia curiosa che però rischia di avere seri strascichi legali.

Al comandante Michael P. Ward II di certo non manca la fantasia: a chi verrebbe in mente di farsi credere morto pur di terminare la relazione con la propria amante? Gli inquirenti hanno trovato un’email di Ward dove, sotto il nome falso di “Bob”, comunicava alla donna la sua prematura ed inaspettata scomparsa.

Il comandante Jennifer Cragg, portavoce del gruppo sottomarino di Pittsburgh, ha rivelato che Ward ha ricevuto una lettera di richiamo per tradimento ed altri reati militari, insieme ai documenti per l’espulsione dal corpo della Marina Militare.

La donna ha però scoperto l’inganno per caso: dopo aver appreso della morte del suo amante, si è recata all’abitazione di Ward per offrire le sue condoglianze ed il nuovo proprietario, Jon Boyle, le ha raccontato del trasferimento del militare in Connecticut per una missione su un sottomarino nucleare.

I due si erano conosciuti lo scorso ottobre tramite un servizio di appuntamenti on-line ed avevano sempre comunicato tramite e-mail. Un mese dopo avevano avuto occasione di conoscersi da vicino, passando insieme un intero weekend.

Dal rapporto degli inquirenti, Ward ha appreso della gravidanza della donna dopo il trasferimento in Connecticut e l’ha contatta: a causa di complicazioni, però, vi è stato un aborto spontaneo. Il militare è stato dichiarato colpevole per il reato di negligenza al dovere, comportamento scorretto e tradimento.

Fonte: HuffPost Weird News