Una novità imperniata sull’obiettivo di una sempre maggiore sicurezza degli edifici e dei cantieri: la Direzione Nazionale Antimafia è entrata a far parte dell’Osservatorio sul calcestruzzo e sul calcestruzzo armato. L’intento è quello di attuare un efficace sistema di controlli e di garantire un sostanziale contributo alla legalità, per combattere le infiltrazioni di stampo malavitoso nel settore delle costruzioni.

L’Atecap (Associazione tecnico economica del calcestruzzo preconfezionato) e il C.S.LL.PP. hanno stipulato un Protocollo d’Intesa con la Guardia di Finanza per i controlli sulle forniture di calcestruzzo. E non solo. L’Atecap punta al coinvolgimento delle autorità di Pubblica sicurezza per rendere ancora più efficaci i controlli. Un impegno forte per la sicurezza dei cittadini e per salvaguardare le imprese di costruzione che lavorano seriamente.

Il Procuratore aggiunto della Direzione Nazionale Antimafia, Alberto Cisterna, nel corso di una riunione, ha sottolineato l’urgenza di concordare un protocollo operativo allo scopo di definire nel più breve tempo possibile i reati e i comportamenti scorretti degli operatori nel settore del calcestruzzo, oltre che la verifica dell’attuale quadro sanzionatorio. Il motivo è chiaro: individuare i relativi provvedimenti amministrativi e penali e creare un circuito per accelerare la circolazione delle informazioni.

L’obiettivo finale, che è quello di avere costruzioni sicure, secondo il CSLLPP, può essere raggiunto solo attraverso la collaborazione a stretto gomito dei direttori dei lavori, dei laboratori di prova, dei collaudatori, che hanno il compito precipuo di vigilare sulla corretta esecuzione di un’opera dal rispetto del progetto alla verifica dei materiali impiegati alla qualificazione degli operatori.

L’Osservatorio sul Calcestruzzo e sul calcestruzzo armato va ancora più in là: intende, allo scopo, instaurare un efficace sistema di vigilanza e controlli nel campo dei materiali e prodotti da costruzione in grado di migliorare la sicurezza delle opere e individuare e gestire al meglio eventuali infiltrazioni mafiose.

E inoltre, sta avviando iniziative di vigilanza sull’operato degli organismi di certificazione e di ispezione e intende essere sempre più vicino agli imprenditori, alle istituzioni e ai cittadini. Per questo motivo è stato presentato un sito internet che sarà aperto a tutti i soggetti coinvolti e che potrà contribuire al dibattito sulla qualità delle costruzioni.