Per risolvere la particolare situazione di indigenza che sta affliggendo Lampedusa, il Premier Silvio Berlusconi qualche giorno fa ha proposto un particolare piano di rinascita: l’acquisto di una villa e la creazione di un campo da golf. Il Presidente del Consiglio ha quindi invitato i lampedusani all’imbratto dell’abitazione, qualora non fossero soddisfatti delle opere del Governo.

Durante la scorsa puntata di Ballarò, tuttavia, è emerso come l’abitazione berlusconiana a Lampedusa in realtà non esista, perché l’edificio individuato si troverebbe su un terreno demaniale, quindi pubblico, e non potrebbe perciò essere acquistato da privati.

Galleria di immagini: Laura Boldrini e Lampedusa

Il blocco di Villa Le due Palme, questo il nome della locazione, è stato confermato dallo stesso Berlusconi durante l’ultima riunione per la pianificazione dell’immigrazione a Palazzo Chigi:

“Non posso più comprare la villa di Lampedusa che avevo visto su internet perché è su un terreno demaniale”.

Immediatamente successive alla notizia, sono emerse copiose le polemiche. Il Premier, infatti, durante l’incontro con gli isolani aveva affermato di aver già acquistato la Villa, sottolineando l’esborso di un milione di euro. E, così, l’opposizione si è scagliata contro il Premier, dicendosi certa della volontà del Presidente del Consiglio di voler strumentalizzare la vicenda di Lampedusa per un proprio tornaconto d’immagine. Proprio dal salotto di Ballarò Walter Veltroni tuona:

“Se è vero che ha ingannato i cittadini ne deve rispondere”.

Nelle scorse ore l’avvocato del Premier Niccolò Ghedini ha cercato di smorzare i toni, smentendo Paolo Mieli, il primo a denunciare pubblicamente la supposta farsa:

“La dichiarazione di Paolo Mieli è destituita di ogni fondamento e palesemente erronea. Già la settimana scorsa si è raggiunto un accordo con la proprietaria”.

Peccato, però, che proprio questa mattina le accuse siano diventate certezza: l’abitazione si trova davvero su un terreno demaniale e, di conseguenza, è impossibile vi fossero state trattative in atto per il suo passaggio di proprietà.