Cosa significheranno mai tutti questi simboli di lavaggio sulla lavatrice? Alzi la mano chi non ha fatto mai questa domanda. Conoscere ciascun simbolo è importante se volete evitare la perdita di indumenti che adorate. Ogni capo è munito di etichetta che ne indica la composizione e ne suggerisce i vari metodi di lavaggio con indicazioni di candeggio e stiratura.

Imparate a comprendere quelli del vostro elettrodomestico: partite leggendo in primis l’etichetta e separando i capi bianchi da quelli colorati, il sintetico dal cotone, la lana dai delicati. Leggete poi le diverse temperature consigliate fermo restando che la maggior parte dei simboli sull’etichetta del vostro capo, li ritroverete poi sul programma della lavatrice. Il simbolo più intuitivo da capire è il termometro. Sulla manopola – oltre ai simboli del lavaggio – sono indicati valori dai 30° C ai 90° C. Scegliete il programma di lavaggio a 40⁰ o massimo 60 gradi per capi molto sporchi, da 30 ⁰C a 40 ⁰C se è cotone colorato, 60 ⁰C se si tratta di lenzuola ed asciugamani, fino a 40 °C per i jeans.

Cercate di posizionare la manopola sul simbolo del tessuto scelto. Anche questo è abbastanza intuitivo: per il cotone troverete la peluria che ricopre i semi di una pianta della specie Gossypium, per il sintetico un’ampolla in vetro che richiama la sintesi di sostanze chimiche in laboratorio, per la lana un gomitolo di lana disegnato da Franco Grignani nel 1964.

Optate per il lavaggio a mano se dovete lavare capi in lana o colorati messi insieme. Niente paura, il simbolo è una vashetta con una mano. Solitamente il lavaggio è a basse temperature (inferiore ai 40 °C). Un orologio vi indicherà il lavaggio rapido se i capi sono poco sporchi (40 minuti al massimo), una vaschetta con la freccia in basso lo scarico (per smaltire eventuali residui di sporco dopo un lavaggio intenso), una spirale la centrifuga (per strizzare ulteriormente i capi). Se vi attenete a queste indicazioni, non vi occorrerà tenere incrociate le dita fino alla fine del lavaggio. Semplice no?

Foto: Shutterstock