La sindrome premestruale è la principale colpevole che trasforma il genere femminile in vere e proprie vipere alcuni giorni al mese, prima dell’arrivo del ciclo. Moltissime donne ne soffrono, e i suoi sintomi, circa 150, sono sia fisici che psicologici. Esistono però alcuni rimedi utili per alleviare queste sensazioni.

I sintomi più “gettonati” risultano essere stitichezza, gonfiore addominale, tensione al seno, dolori muscolari per quanto riguarda il fisico, e ansia, cambi di umore, irritabilità, insonnia e attacchi di fame per quanto riguarda la nostra salute interna. Per combattere e alleviare questi dolori, di intensità e durata variabile, sono 3 le parole chiave: alimentazione corretta, attività fisica e rimedi naturali.

Prima di tutto bisognerebbe evitare il consumo di tè e caffè, in quanto bevande eccitanti, e ridurre il consumo di sale durante i pasti, che provoca ritenzione idrica. È buona norma, invece, consumare cereali, frutta e verdura, che aiutano l’intestino e riducono il gonfiore. Sono poi adeguati gli integratori di vitamine che combattono i dolori come mal di testa, dolori all’utero e crampi. Per quanto riguarda gli stati d’animo, un integratore di vitamina B6 andrà a influire sull'”ormone del buonumore“.

Una regolare attività fisica è sempre una buona abitudine, ma nel periodo di sindrome premestruale aiuta particolarmente in quanto, producendo endorfine, queste vanno a influire sul buonumore dando una sensazione di benessere, facilitando il flusso del sangue in maniera da evitare crampi. Inoltre, lo sport aiuta a dormire meglio e a ridurre l’irritabilità, protagonista durante la sindrome.

Per quanto riguarda i rimedi naturali, infine, le piante più utili al nostro corpo sono l’agnocasto, la passiflora e la verbena, che aiutano a dormire meglio, eliminano la tensione al seno e riducono gli spasmi.