Gli abiti e gli accessori per le donne in gravidanza sono una costante della produzione di molti brand in giro per il mondo, i quali realizzano però prodotti che raramente possono essere riutilizzabili dopo il parto. All’interno del blog Swissmiss è stato preso in considerazione un progetto insolito a tema, che merita di essere approfondito.

La designer colombiana Marisol Rodriguez ha pensato bene di rivisitare gli abiti premaman in modo unico e sicuramente molto intelligente. Il progetto in questione si chiama Skin, e si tratta di una collezione di abiti studiata ad hoc per le future mamme.

Questi prodotti sono costituiti da tagli e da “ampliamenti” di tessuto studiati nella zona in cui crescerà il bimbo. La designer afferma di essersi ispirata alla tecnica giapponese dell’origami che, rivisitata con abili tagli geometrici e l’utilizzo di colori vivaci nei “punti giusti”, ha trasformato in una collezione di abiti casual molto insolita.

In questo modo la futura mamma avrà una serie di vestiti sfruttabili prima, durante e dopo la maternità. La trasformazione del corpo femminile si trasferisce così anche nell’abito indossato dalla futura mamma, suggerendoci una poetica del vestire che sicuramente non passerà inosservata.