SKY si apre alla televisione on demand. Questa la sfida del network, che raccoglie 5 milioni di abbonati, il doppio di quelli di Mediaset, e che punta a offrire sempre di meglio, anche per venire incontro alle esigenze dei telespettatori che risentono moltissimo della crisi economica e quindi hanno bisogno di contenuti personalizzati, per divertirsi e non sprecare denaro facendolo.

Galleria di immagini: SKY

L’on demand di SKY arriva quindi a contrastare quello di Mediaset Premium Play e si avvale di oltre 1.200 titoli visionabili già dal primo luglio per chi possiede l’abbonamento da oltre un anno, mentre per tutti gli altri il servizio entrerà in vigore il prossimo novembre. Si deve possedere però My SKY HD, necessario per ricevere i contenuti via Internet, oltre alla banda larga: il contenuto scelto dall’utente viene scaricato direttamente sul decoder e visionabile in qualunque momento.

Andrea Zappia, amministratore delegato di SKY Italia, spiega:

«Il nostro obiettivo è aumentare i servizi per mantenere la pay TV tra le priorità dei nostri clienti. Siamo realisti e sappiamo che il momento è difficile. Adesso vogliamo rivoluzionare la televisione.»

Mediaset arriva seconda per una ragione semplicissima: già un anno fa aveva strutturato un servizio simile, ma in streaming, che quindi risentiva delle bizze della Rete. Il film inviato al decoder SKY diventa una sorta di DVD, viene scaricato completamente tramite Rete e Satellite e ci vogliono al massimo 50 secondi per farlo, un vantaggio non da poco.

Fonte: Repubblica.