Smettere di fumare è un’impresa ardua, inutile negarlo. Ogni fumatore che sceglie di dire addio alle sigarette deve essere consapevole che non sarà facile, che potranno esserci delle ricadute e che non saranno poche le occasioni in cui fumare una sigaretta sembrerà la cosa più bella del mondo.

Il fumatore, si sa, ingloba due tipi di dipendenza che rendono ulteriormente difficile il distacco definitivo dal fumo. La dipendenza fisica derivante dalla nicotina porta delle vere e proprie crisi di astinenza, placabili nella fase iniziale con i cerotti o le gomme da masticare, mentre quella psicologica è di gran lunga peggiore. Legata alla ritualità è, infatti, dura da combattere perché porta il fumatore in un universo fatti di piccoli gesti quotidiani e decisamente piacevoli.

Tuttavia, sono sempre moltissimi i fumatori che decidono di smettere di fumare e che ci riescono. Il rischio è molto alto, e non è escluso poter ricominciare anche dopo mesi o addirittura anni. Come fare, dunque, per non ricaderci? Gli esperti consigliano di fare delle valutazioni dei pro e dei contro, di stilare una lista di tutte le cose buone portate dall’assenza del fumo nella vita di un ex fumatore.

Inoltre, è importante convincersi che non si smette di fumare diminuendo il numero di sigarette giornaliere o limitandole a qualche occasione speciale. Si smette del tutto, in modo radicale, rinunciando a tutte quelle abitudini legate alla fumata di una sigaretta. Riaccendere una sigaretta occasionalmente o anche solo per fumarne metà implica un rischio di ricaduta del 90, 95%.

Una buona fonte di motivazione è di certo lo sport che regala soddisfazioni a livello fisico, oltre che psicologico, aumentando la resistenza e la forza muscolare solitamente compromesse in un fumatore incallito. Il nuoto, ma anche la corsa o il ciclismo, sono degli ottimi modi per stare in forma, allontanare il fumo dalla mente e ricavare stimoli sufficienti per non ricominciare.

Non è affatto raro, tuttavia, che nonostante gli sforzi qualcuno ricada nel vizio. Niente paura, gli esperti confermano che le ricadute fanno parte del normale percorso di allontanamento definitivo dalla nicotina. Si dovrà ricominciare a lottare contro la dipendenza, con più determinazione di prima, eliminando dalla mente pensieri di sconfitta o di scarsa volontà.

Si dovrà imparare a dire di no a chiunque offra una sigaretta per rilassarsi in un particolare momento, a condividere con amici e parenti i piccoli successi di ogni giorno, a non avere il pensiero fisso di quanto sia duro smettere di fumare. In questo modo, l’ex fumatore riuscirà anche a rafforzare la fiducia e la stima di sé stesso.