Smettere di fumare è qualcosa che praticamente tutti i dipendenti dalla nicotina vorrebbero, ma al contempo un’impresa ardua: grazie a un vaccino a base di geni, dunque particolare, ciò viene reso molto semplice. È stato scoperto negli Stati Uniti ed è attualmente in fase di sperimentazione presso il Weill Cornell Medical College di New York.

I ricercatori hanno trovato un modo semplice di dire addio alle sigarette grazie a un unico vaccino in grado di distruggere le molecole di nicotina. In pratica, contiene una sequenza di geni programmati per creare anticorpi alla Pac-man nelle cellule del fegato in grado di neutralizzare la nicotina.

«Ogni boccata di fumo contiene più di 4mila sostanze chimiche diverse. Ma è la nicotina il vero responsabile del meccanismo della dipendenza», afferma in team di ricercatori nel rendere nota la notizia. In effetti, è proprio la nicotina che si assume a innescare il bisogno di accendere un’altra sigaretta nel corso della giornata, che passa velocemente dai polmoni al sangue e arriva fino al cervello.

Con questo vaccino è dunque possibile neutralizzare la nicotina prima che arrivi al cervello, e in questo modo si può dire addio alla dipendenza dal tabacco. I risultati ottenuti dai ricercatori con questa prima fase di sperimentazione sono decisamente ottimi: hanno potuto registrare una riduzione dell’85% della nicotina in circolo nel sangue senza che si abbia alcun effetto collaterale. L’effetto è peraltro duraturo nel tempo.

Non è noto quando questo vaccino genetico per smettere di fumare definitivamente giungerà in commercio, dunque non resta che attendere ulteriori sviluppi.