Le sigarette sono un brutto vizio, dannoso per la nostra salute, e i benefici dello smettere di fumare non risiedono solo in una migliore respirazione, meno probabilità di ammalarsi di cancro al polmone, normalizzazione della pressione del sangue e dei battiti cardiaci, ma a quanto pare si verificano effetti positivi anche nel colesterolo buono.

Smettere con la nicotina non è mai facile ma vale di sicuro la pena provarci, e anche se c’è il rischio di aumentare di peso, liberarsi dalla dipendenza ha tantissimi vantaggi. L’ultimo scoperto è quello dai ricercatori dell’Università del Wisconsin, che hanno condotto una ricerca su circa mille fumatori, sia uomini che donne, abituati a fumare circa un pacchetto di sigarette al giorno.

Galleria di immagini: Fumare

I soggetti in questione sono stati tenuti sotto controllo per un anno e qualunque sia stato il metodo da loro utilizzato per smettere di fumare, il 36% di loro è riuscito davvero nell’obiettivo e tra i vantaggi noti è emerso come vi sia stato un inatteso miglioramento dei valori di colesterolo buono nel sangue.

I livelli di HDL aumentano dunque e secondo Adam D. Gepner, uno degli autori dello studio in questione,

L’aumento del colesterolo HDL potrebbe tradursi in una riduzione del rischio cardiovascolare. Studi precedenti hanno infatti dimostrato che un incremento pari a 1 mg/dl può ridurre il rischio di eventi come infarti e ictus del 2-3% nell’arco di un decennio.

Il colesterolo cattivo (LDL) non subirebbe invece nessuna variazione, ma a ogni modo sapere che dire basta alla nicotina riduce il rischio di problemi cardiaci e ictus dovrebbe essere un ottimo incentivo per smettere davvero.

Pier Mannuccio Mannucci, direttore del Dipartimento di medicina interna del Policlinico di Milano, ha sottolineato infatti come:

Il fumo è uno dei fattori di rischio più potenti per il cuore, è quindi sempre meglio smettere di fumare, anche se si ingrassa un po’.

La ricerca non ha saputo chiarire quale sia il legame che unisce il fumo al colesterolo, ma anche se oggi esistono diversi farmaci in grado di agire sul colesterolo cattivo, non c’è nulla in commercio che riesca ad aumentare i livelli di quello buono. Per arrivare a questo traguardo, il metodo è dunque “semplice”: dire addio alla sigaretta, e nel giro di un anno i benefici si vedranno sicuramente.