Somewhere” di Sofia Coppola, vince il Leone d’Oro nella 67esima edizione della Mostra del Cinema di Venezia. Il premio per la miglior regia è andato invece a Alex de la Iglesia per “Balada triste de trompeta”, mentre i premi per le migliori interpretazioni sono andati ad Arianne Labed per Attenberg, e al redivivo Vincent Gallo per “Essential Killing”.

Il Leone d’Oro è stato consegnato come da consuetudine dal presidente di giuria Quentin Tarantino, che dopo la consegna ha abbracciato la regista trionfatrice del festival. La Coppola è parsa emozionatissima e incredula per la vittoria finale, e subito dopo la consegna del premio ha dichiarato:

Non ci credo, non ci credo, è un grande onore. Grazie ai miei genitori, e grazie a mio padre che mi ha insegnato.

“Somewhere”, scritto dalla stessa regista, racconta di un divo del cinema che sembra aver perduto ogni tipo di stimoli nei confronti della vita, tutto sembra uguale fino all’improvviso arrivo della figlia di 11 anni, con la quale sarà costretto a una convivenza forzata.

Gli interpreti principali del film sono Stephen Dorff, Benicio Del Toro, Elle Fanning e Michelle Monaghan.

Questi che seguono sono i premi assegnati nella 67esima Mostra del Cinema di Venezia:

  • Leone d’Oro: Sofia Coppola per “Somewhere”;
  • Leone d’Oro per l’insieme dell’opera: Monte Hellman per “Road to Nowhere”;
  • Premio speciale della giuria: Jerzy Skolimowski per “Essential Killing”;
  • Leone d’Argento per la miglior regia: Alex de la Iglesia per “Balada Triste de Trompeta”;
  • Coppa Volpi per il miglior attore: Vincent Gallo per “Essential Killing”;
  • Coppa Volpi per la miglior attrice: Ariane Labed per “Attenberg”;
  • Premio Mastroianni all’attore emergente: Mila Kunis per “Black Swan”;
  • Premio Osella per la sceneggiatura: Alex de la Iglesia per “Balada Triste de Trompeta”;
  • Premio Osella per il miglior contributo tecnico: Direzione della fotografia: Mikhail Krichman per “Silent Souls”;
  • Premio De Laurentiis Opera prima: Seren Yuce per “Cogunluk”;
  • Controcampo Italiano: Aureliano Amadei per “20 Sigarette”;
  • Controcampo Italiano, Menzione Speciale: Vinicio Marchioni per “20 Sigarette”;
  • Leone d’Oro alla carriera: John Woo.