Anticipato da una proiezione decisamente stellare sulla Croisette, arriva nei cinema in Italia Solo: A Star Wars Story, il nuovo film del mondo creato da George Lucas dedicato agli anni giovanili di Han Solo. Dimenticate Harrison Ford, però, perché a vestire stivali e cinturone del cowboy spaziale è Alden Ehrenreich. Al suo fianco, Emilia Clarke, la celebre Daenerys Targaryen di Game of Thrones. 

 Leggi anche: Rogue One: A Star Wars Story e Star Wars: tutte le donne della saga

Diredonna ha visto in anteprima il film: ecco trama (rigorosamente senza spoiler), recensione, cast e uscita di Solo: A Star Wars Story.

Solo: A Star Wars Story, trama del film

Protagonista di questa nuova avventura è Han Solo, leggendario contrabbandiere tra i personaggi più amati nella storia del cinema. Solo: A Star Wars Story esplora i suoi anni formativi e segue il suo viaggio attraverso una serie di incontri, combinando i temi della fiducia, la lealtà, l’amore e il tradimento con un umorismo leggero, tanta ironia e scene d’azione.

Prima dell’inizio della saga classica, prima di conoscere Luke Skywalker e distruggere la Morte Nera, Han Solo è in fuga dal suo pianeta di nascita: fa amicizia con il suo futuro possente copilota Chewbacca e incontra il famigerato giocatore d’azzardo Lando Calrissian.

Il regista Ron Howard, fan dichiarato di Star Wars e amico di George Lucas ha spiegato: “La storia riflette moltissimo lo spirito dei film originali nella sua combinazione di giocosità e temi profondi, mescolata con grandi scene d’azione, e ambientata in un universo affascinante, invitante, divertente e capace di spingere alla riflessione”.

(Foto: courtesy press office)

Il cast

Il cast del film è composto da Alden Ehrenreich nel ruolo di Han Solo, Woody Harrelson, Emilia Clarke, Donald Glover nel ruolo di Lando Calrissian, Thandie Newton, Phoebe Waller-Bridge, Joonas Suotamo e Paul Bettany.

Scritto da Lawrence Kasdan & Jonathan Kasdan, Solo: A Star Wars Story è prodotto da Kathleen Kennedy, Allison Shearmur e Simon Emanuel, mentre Lawrence Kasdan, Jason McGatlin, Phil Lord e Christopher Miller sono i produttori esecutivi.

(Foto: courtesy press office)

La recensione di Solo: A Star Wars Story

Ron Howard, premio Oscar per Beautiful Mind, riesce nell’arduo risultato di confezionare il più brutto film dell’universo di Star Wars scalzando dal record Star Wars: Episode II – Attack of the Clones: arrivato alla guida del progetto dopo l’allontanamento dei registi prescelti, Phil Lord e Chris Miller, a quanto sembra poco in linea con il copione firmato da Lawrence Kasdan insieme al figlio Jonathan, il regista colleziona 135 minuti di noiosissimi inseguimenti, sparatorie, qualche battaglia spaziale che fanno da collante a una trama banale e priva di qualsiasi senso epico.

Non c’è un’emozione a creare un brivido, un colpo di scena, un sentimento. Il tutto condito da una recitazione moscia, dialoghi al limite del ridicolo e una confusionaria colonna sonora. Razze, lingue, usi e costumi si alternano stancamente nel tentativo, mai riuscito, di ricreare quei mondi di una galassia lontana lontana che fanno sognare intere generazioni dall’ormai preistorico 1977. Rumors paventano la realizzazione di uno spin-off su Lando Carlissian e di un nuovo lungometraggio su Han e Chewbacca: consola l’idea che peggio di Solo: A Star Wars Story sarà difficile fare.

(Foto: courtesy press office)

Uscita e trailer di Solo: A Star Wars Story

Il regista e il cast di Solo: A Star Wars Story hanno sfilato sul red carpet del Festival di Cannes 2018, dove il film è stato presentato nella Selezione Ufficiale e Fuori Concorso. Il film è in sala nei cinema in Italia dal 23 maggio.

Galleria di immagini: Solo: A Star Wars Story, le foto del film