In provincia di Padova, a Limena, a causa di un errore di distrazione sono state scambiate due siringhe e, al posto del vaccino contro difterite e poliomielite, un bimbo di 5 mesi è stato sottoposto a vaccinazione contro il papilloma virus.

La seconda vaccinazione, di cui abbiamo parlato anche noi, viene somministrata solitamente alle donne per evitare la comparsa del virsu HPV e per scongiurare la formazione del tumore al collo dell’utero.

La madre aveva portato i due figli presso il distretto sanitario di Limena, come sostiene,

per vaccinare i miei due figli. Mio figlio, che ha cinque mesi, doveva essere sottoposto al richiamo del vaccino, mentre mia figlia, che ha 11 anni, doveva essere vaccinata contro il papilloma virus.

Le due dottoresse presenti durante la vaccinazione, prese da una conversazione, si sono distratte iniettando il vaccino sbagliato al piccolo di 5 mesi. Lo sguardo sconvolto della dottoressa ha insospettito la madre che, dopo molta insistenza, è riuscita a scoprire l’arcano.

La madre ha chiesto subito aiuto e che le spiegassero cosa sarebbe accaduto ma:

Invece, mi hanno risposto di tornare a casa e che mi avrebbero chiamato dopo, ma sono corsa al pronto soccorso e poi anche dalla pediatra.

Non sono note le eventuali conseguenze di una vaccinazione di questo tipo su un bambino così piccolo, i genitori, che hanno sporto denuncia, attendono una risposta tra quindici giorni dal centro immunologico a cui si è rivolta la loro pediatra.

Molto probabilmente la vaccinazione non porterà esiti nagativi, perché solitamente anche agli uomini viene consigliata la vaccinazione contro il papilloma virus, ma nel frattempo la famiglia vive momenti di ansia.