“Sono a dieta ma non dimagrisco”. Sarà capitato a molte donne di ritrovarsi in questa situazione, generalmente piuttosto frustrante. Quando infatti la dieta impone sacrifici e rinunce, non raggiungere i risultati sperati può davvero mettere di cattivo umore, se non indurre proprio a gettare la spugna.

Prima di prendere decisioni drastiche, però, è bene valutare attentamente ogni aspetto della propria routine, alimentare ma non solo, in modo da individuare eventuali errori.

Anche quando crediamo di seguire un regime dietetico irreprensibile, infatti, può in realtà capitare di commettere qualche piccolo sbaglio che può finire per compromettere l’esito della dieta.

Ecco allora alcune possibili risposte all’annosa domanda “sono a dieta ma non dimagrisco: perché?”.

  • Sembra light… ma non lo è. Spesso quando si decide di mettersi a dieta si punta tutto su alcuni alimenti considerati ipocalorici ma attenzione, in molti casi si tratta di pericolosi falsi miti. Un esempio? Le tanto gettonate gallette di riso non sono in realtà così leggere ma al contrario ricche di sodio. Il risultato? Se ne mangiano tantissime perché sembra non mangiare nulla ma in realtà l’ago della bilancia può risentirne. Non solo, anche la classica insalata in pausa pranzo può rivelarsi un’arma a doppio taglio: per essere veramente light, infatti, oltre a lattuga e pomodoro non deve contenere più fonti proteiche insieme, come tonno, formaggio e legumi.
  • Poca acqua. Mangiare poco e non bere abbastanza è un altro classico errore. Una scarsa idratazione, infatti, porta a ritenzione idrica e gonfiori, spesso responsabili dell’aumento di peso. La regola numero uno allora deve essere sempre quella di bere molto per drenare i liquidi in eccesso e per eliminare le tossine.
  • Vita sedentaria. Un altro tipico errore è quello di tagliare le calorie senza però darsi da fare per bruciarne con un po’ di attività fisica. La palestra non è un obbligo: anche  una camminata a passo spedito per 30/40 minuti può essere d’aiuto.
  • Metabolismo lento. Quando la dieta non funziona, a volte, la colpa può anche essere del metabolismo troppo lento. Il parere di un esperto può essere determinante: in questo caso infatti si potrà seguire una dieta mirata, a base di quei cibi e di quelle sostanze in grado di riattivare naturalmente il metabolismo, così da raggiungere, finalmente, i risultati sperati.
  • Sgarri pericolosi. Attenzione anche agli sgarri. Quelle che sembrano piccole, innocenti concessioni possono in realtà essere dei veri attentati alla linea: un piccolo cioccolatino dopo cena piuttosto che una manciata di patatine all’aperitivo sono abitudini molto pericolose quando si è a dieta.
  • Aspettative troppo alte. Infine, il problema può essere legato ad aspettative poco realistiche. Sperare di perdere svariati chili in una sola settimana o comunque di ottenere risultati tangibili in poco tempo può scoraggiare. Per partire con il piede giusto, allora, l’importante è porsi degli obiettivi concreti.

Leggi anche: Dieta personalizzata: come crearla | Come iniziare correttamente una dieta