Chi di voi si ricorda di quel famoso detto “don’t worry, be happy!” (non preoccuparti, sii felice!)?

Ebbene, pare proprio che abbia anticipato una curiosa e interessante teoria, emersa da uno studio statunitense, che ha indicato che chi vive la vita con entusiasmo, gioia e soddisfazione ha meno rischi di ammalarsi di cuore.

Lo studio in questione, pubblicato nell’European Heart Journal, è stato condotto su un campione di 1.700 persone di età maggiore ai 10 anni. Ai partecipanti è stato chiesto di indicare quanto nella loro vita (in una scala da 1 a 5) fossero felici e soddisfatti, e al contempo ansiosi e ostili nei confronti di se stessi e degli altri.

Alla fine delle ricerche, è emerso che solo una persona su 10 soffriva di malattie di cuore, e più nel particolare per ogni “punto in più” dato nella scala della felicità c’era un rischio minore del 22% di sviluppare malattie cardiache.

I ricercatori, dunque, credono fortemente che le persone felici possono avere una vita qualitativamente migliore non solo per quanto concerne la sfera emotiva ma anche quella della salute. Queste riuscirebbero infatti a soffrire meno e al contempo sarebbero in grado di superare le brutte esperienze (che mettono a dura prova non solo la mente ma anche il fisico) in un modo nettamente migliore e veloce rispetto a coloro che sono tendenzialmente infelici.

I consigli per cercare di essere più contenti, soddisfatti e rilassati sono davvero più semplici di quanto si possa immaginare.

Non bisogna aspettare troppo a lungo per concedersi dei momenti di relax ma si dovrebbe trovare, ogni giorno, almeno un po’ di tempo per dedicarsi a se stessi. Via dunque alla lettura di romanzi, a piacevoli passeggiate accompagnate dalla nostra musica preferita, e più in generale cercare di trovare qualche momento per dedicarsi alle varie attività che più ci piacciono e più ci fanno stare bene.

In fondo, di questi tempi, le malattie cardiache sono davvero molto diffuse e qualsiasi cosa che ci potrebbe aiutare a prevenirle non è di certo da ignorare.