Tre mesi fa è nata in Spagna, nell’ospedale San Pau di Barcellona, la prima bambina senza il gene ereditario del cancro. La notizia è stata resa nota solo oggi alla stampa.

Nella famiglia della madre la percentuale di casi di cancro riscontrato in età giovane, attorno ai 30 anni, è altissima, dunque la donna e il suo compagno hanno deciso di evitare al nascituro qualunque possibilità di ammalarsi di tumore e hanno richiesto alla Commissione Nazionale Fecondazione Assistita di poter usufruire del servizio di diagnostica genetica pre-fecondazione.

Galleria di immagini: Neonati

La richiesta è stata accolta e nonostante la legge spagnola consenta già di selezionare gli embrioni per evitare alcune patologie, per i tumori non era mai accaduto prima. Si tratta dunque della prima volta in assoluto.

La coppia spagnola si era presentata al centro per un classico problema di fecondazione, ma quando sono stati effettuati i primi accertamenti, è stata notata l’alta percentuale di rischio ereditario e dunque si è presentata la possibilità di intervenire sul bambino.

La bambina è nata priva del gene BRCA1, causa del cancro al seno ma anche di quello al pancreas e alle ovaie. L’eliminazione di questo gene non assicura alla bambina di non contrarre alcun tumore al 100% ma comunque abbassa notevolmente il rischio ereditario presente in quella famiglia.

Il procedimento era già avvenuto in Gran Bretagna, in Italia è invece vietato dalla legge.