Vincenzo Natali, regista canadese conosciuto per il successo del fanta-horror “Cube” (1997), uscirà a gennaio 2010 con Splice, un horror prodotto da Guillermo del Toro, regista del dittico su Hellboy.

La trama di Splice narra di due giovani e stravaganti scienziati che riescono a creare in laboratorio una nuova specie animale. Sedotti dalla curiosità e dall’ambizione, Clive ed Elsa si spingono oltre arrivando a mescolare segretamente il DNA umano con quello animale. La creatura che nasce da questo esperimento è Dren, una chimera con la coda e le zampe che crescendo inizia ad assumere tratti umani. Allo stesso tempo mostra anche i suoi “difetti di fabbricazione”: Dren è carnivora e il suo piatto prediletto sembra essere la carne umana.

Da lì in poi la scoperta che avrebbe dovuto decretare il successo dei due scienziati si trasforma in realtà nel più grande incubo e pericolo per l’umanità. La storia narrata due secoli fa da Mary Shelley in Frankenstein si ripete oggi con lo stesso epilogo: il fallimento della scienza che vuole creare individui.

Nel cast figurano due volti noti al grande pubblico: Adrien Brody (Clive), premio Oscar nel 2003 come miglior attore ne “Il pianista” di Roman Polanski, e Sarah Polley (“L’alba dei morti viventi”, 2004) nel ruolo di Elsa; ci sarà anche il ritorno di David Hewlett, l’architetto di “Cube”, nel ruolo di Barlow. La mostruosa chimera sarà interpretata da due diverse attrici: Abigail Chu (piccola Dren) e Delphine Chanéac (Dren cresciuta).

Soggetto e script sono opera di Vincenzo Natali e Antoinette Terry Bryant, le musiche originali di Cyrille Aufort, la fotografia di Tetsuo Nagata e il montaggio di Michele Conroy. In attesa di trovare un distributore americano ed europeo, il film è stato presentato ufficialmente al Sitges Film Festival, che si tiene dal 2 al 12 ottobre nell’omonima località spagnola.