Non è vero, fortunatamente, che non esistono più le mezze stagioni: altrimenti sparirebbe dai nostri armadi lo spolverino, tra i capi più usati e rappresentativi di quei periodi dell’anno in cui fa troppo fresco per non coprire le braccia ma troppo caldo per indossare capi pesanti come i cappotti.

Lo spolverino è, infatti, un soprabito leggero, di solito di tela greggia, di alpaca o di seta cruda, abbastanza lungo, dalla metà della coscia in giù. Se alle sue origini, tra fine Ottocento e i primi del Novecento, era un must tra viaggiatori e automobilisti, che desideravano un capo leggero e sportivo per coprirsi all’occorrenza, oggi questo soprabito da mezza stagione “salva” i look di uomini e donne che escono dall’ufficio e vanno direttamente a un aperitivo serale, o di chi è in giro per la città e si ritrova sotto un acquazzone improvviso.

Proprio per la sua natura eclettica, lo spolverino dà a volte adito a dubbi se ci si domanda come e quando indossarlo: ecco qualche consiglio per sfruttare al meglio questo capo.

Quando indossare lo spolverino

Le occasioni per indossare lo spolverino sono molteplici, e molto dipende anche dal suo tessuto. Uno spolverino sportivo, nei classici toni neutri ma anche in tinte più accese, è perfetto per i look di tutti i giorni, proprio perché si tratta anche di un capo pratico e leggero.

Se il vostro luogo di lavoro prevede un look formale, lo spolverino può essere indossato nelle sue declinazioni più eleganti e di tinte neutre. Uno spolverino elegante, di un tessuto leggero e pregiato, con taglio su misura, è adatto anche su un abito da cerimonia, perfetto per salvare quelle giornate in cui decidere cosa indossare è difficile ma di vitale importanza.

Quando acquistate lo spolverino, dunque, basterà riflettere sulle occasioni in cui dovrete indossarlo. Se potete acquistatene due, uno più casual e uno più formale, sarete così coperte nella maggior parte degli outfit che vorrete creare.

Come indossare lo spolverino

La lunghezza dello spolverino lo rende adatto ad essere indossato con gonne corte e medie, short e comunque con abiti che non superino il ginocchio o l’orlo del soprabito stesso, per non creare il fastidioso effetto di tagliare in più punti la figura.

Una gonna lunga, a meno che non sia molto aderente mentre lo spolverino di un modello particolarmente ampio, rischia un accorpamento che appesantisce la silhouette. Le gonne e gli abiti migliori da abbinare allo spolverino, poi, sono di modelli più aderenti, come tubino o pencil skirt.

Oltre agli short già nominati, stanno bene con lo spolverino i pantaloni a sigaretta, anche di jeans, o comunque dalla linea dritta e stretti alla caviglia, da portare con classiche décolleté o con sandali con tacco, mentre le scarpe basse come le ballerine o i sandali da gladiatore sono riservate alle più slanciate. Se volete evitare i tacchi puntate su delle scarpe con lacci Oxford, magari platform per slanciare un po’ la figura.