Il 2011 sarà ricordato come l’anno dei matrimoni reali. Nel giro di pochi mesi, due sono stati i principi di sangue reale i quali hanno impalmato due bellissime, quanto “comuni”, fanciulle.

Il principe William ha sposato infatti la sua “commoner” Kate Middleton, davanti a 1.900 invitati e oltre 2 miliardi di spettatori in diretta TV, che hanno assistito al loro “” nell’abbazia londinese di Westminster.

Galleria di immagini: Le coppie reali del 2011

L’eterno scapolo Alberto di Monaco, invece, ha portato all’altare la fidanzata Charlene Wittstock, campionessa sudafricana di nuoto e algida bellezza bionda come la mamma del principe, la leggendaria attrice di Hollywood Grace Kelly.

Due matrimoni da favola che però non paiono aver avuto la stessa fortuna. Se la giovane coppia inglese sembra il prototipo degli sposini felici, le nozze monegasche sono state funestate da crisi, rivelazioni shock, tentativi di fuga prima del “sì” e lacrime amare in luna di miele.

Al contrario di Kate – assolutamente a suo agio e padrona della situazione in ogni momento della cerimonia, come se non avesse fatto altro per tutta la vita – la bionda sudafricana è riuscita a malapena a nascondere il turbamento e la tensione durante le nozze, come rilevato impietosamente dalle telecamere.

Voci non confermate la avrebbero descritta in lacrime alla notizia dell’ennesima paternità del suo promesso sposo. Alberto di Monaco ha infatti riconosciuto – dopo la morte di suo padre, il principe Ranieri – due figli avuti negli anni da due donne diverse. Per la legge monegasca, però, nessuno di loro potrà mai ereditare titoli e corona. Notizie vecchie e ampiamente superate, ma alle quali si sono aggiunte a poche ore dalle nozze quelle ancora più scottanti di un altro figlio per il principe, di appena 18 mesi e concepito, quindi, durante il fidanzamento con Charlene.

La Wittstock avrebbe tentato di annullare le nozze e si sarebbe precipitata all’aeroporto per fuggire e tornare a casa, ma sarebbe stata fermata e ricondotta al sicuro dentro la Rocca.

Le lacrime che Charlene ha versato al termine della cerimonia nel cortile del castello di Monaco hanno fatto pensare, più che a un pianto di gioia, a vere e proprio lacrime di umiliazione.

Si sperava che le cose andassero meglio durante il viaggio di nozze in Sudafrica, ma diversi rumor hanno descritto la coppia come già “separata in casa“. I due neo sposi, infatti, non avrebbero passato insieme la loro luna di miele, dormendo a ben 16 km di distanza.

Charlene Wittostock sembra quindi entrare di diritto del club delle “principesse tristi“, giovani donne innamorate ma sacrificate alla ragion di stato o ai rigidi cerimoniali di corte, un club che annovera tra le sue iscritte la sfortunata Soraya, Margareth di Inghilterra e soprattutto Lady Diana, madre del principe William.

Kate Middleton indossa come anello di fidanzamento lo stesso zaffiro incastonato che Lady Diana ricevette in dono dal principe Carlo del Galles per suggellare ufficialmente la loro unione, e andrà ad abitare nella stessa residenza che fu di sua suocera, Kensington Palace a Londra.

Ma la duchessa di Cambridge – questo il titolo che la regina Elisabetta ha accordato al nipote e alla moglie all’indomani del {#matrimonio} – tutto sembra tranne che una “principessa triste”.

Sorridente, radiosa, alla mano, Kate Middleton sembra non curarsi dei paragoni ingombranti e procede serena per la propria strada. Commossa ma al tempo stessa altera, Kate ha percorso la navata centrale di Westminster con sicurezza. Trent’anni prima, tra i banchi di Saint Paul, la ventenne Diana Spencer avanzava in una nuvola di seta e tulle. Rivedendo quelle immagini alla luce delle sue drammatiche vicende personali e della sua ancor più drammatica morte violenta, Lady D. sembrava un passerotto smarrito, inconsapevole del branco di lupi che di lì a poco l’avrebbero sbranata e contro i quali avrebbe lottato per non farsi sopraffare.

La futura regina di Inghilterra non ha sussurrato né mormorato il suo “Yes, I will” al momento di sposare il suo principe, ma lo ha scandito forte e chiaro. Le immagini apparse sui tabloid e sulle TV di tutto il mondo hanno mostrato la giovane coppia serena e innamorata il giorno dopo le nozze. A suggellare la loro unione e – soprattutto – il fascino e l’attrazione che William e Kate emanano, ci ha pensato il primo viaggio ufficiale della coppia in Canada. Semplici, alla mano come due giovani qualsiasi, innamorati e felici, ma glamour come e più di qualsiasi coppia di Hollywood.